Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Inchiesta Zamparini, all'esame degli inquirenti i conti del 2014

Rassegna Stampa

Inchiesta Zamparini, all'esame degli inquirenti i conti del 2014

zamparini maurizio c ansadi Valerio Tripi e Francesco Patanè
Gli inquirenti indagano su presunte operazioni fittizie nel capitale sociale a vantaggio del patron in particolare il versamento di somme verso soci finanziatori. E intanto l'ex presidente annuncia di trattare con tre cordate straniere
Maurizio Zamparini
annuncia di essere in trattativa con tre cordate straniere per la cessione del Palermo. Una cessione che il patron dice di volere portare avanti nel più breve tempo possibile. Chissà che tra i motivi che fanno propendere Zamparini per un rapido passaggio di consegne non ci sia anche l'inchiesta della procura di Palermo.
Fra le carte sequestrate nel corso della perquisizione del 7 luglio e quelle acquisite il 27 luglio l’attenzione degli inquirenti in questo momento è concentrata tutta sugli avvenimenti del 2014, a cominciare dalla riduzione del capitale sociale del club rosanero, provvedimento preso il 21 gennaio del 2014 che ha ridotto la somma interamente versata da 25 milioni a 13,5 milioni di euro, fino ai rimborsi verso “altri soci finanziatori” che ha portato il Palermo proprio in quell’anno ad accumulare solo per questa voce 16.194.441 di euro di debiti.
La domanda che si fanno gli inquirenti è chi saranno mai questi “altri soci finanziatori”, come si legge sui bilanci sotto la lente d’ingrandimento del nucleo della polizia tributaria, visto che l’intero pacchetto di proprietà del club rosanero nel periodo in questione è tutto riconducibile a Zamparini. Fino al 2013 la proprietà del Palermo era suddivisa fra Gasda, la società della famiglia Zamparini il cui acronimo mette insieme i nomi dei figli del patron Greta, Andrea, Silvana, Diego e Armando che aveva la maggioranza delle azioni, e lo stesso patron che per sé teneva solo una piccola parte. Un metodo adottato spesso dalle società per evitare che figuri un unico proprietario. Dal 2014 in poi, invece, i rapporti di forza sono stati ribaltati mantenendo però le stesse proporzioni: la maggioranza è passata quasi tutta a Maurizio Zamparini con la Gasda che ha tenuto una piccola parte di azioni.
Il 2014, inoltre, è l’anno del passaggio di proprietà del marchio alla MePal per un totale di 17 milioni di euro, passaggio questo che resta il filone principale dell’inchiesta. Un’ottimizzazione di bilancio, come la chiama Zamparini, alla quale la società rosanero è ricorsa per ripianare, insieme alla riduzione del capitale sociale, per coprire i 27 milioni di euro di passivo del bilancio di quella stagione.
Il sospetto di chi indaga è che in realtà quei debiti siano stati fatti ad hoc per sottrarre fondi alla società: nel 2014 se il Palermo non avesse fatto ricorso a quegli artifici contabili, dopo avere chiuso l’esercizio precedente con 19,4 milioni di euro di passivo e quello di quell’anno in rosso per 27,7 milioni di euro, il patrimonio del club avrebbe corso il rischio di essere azzerato del tutto. Se fosse accaduto, Zamparini avrebbe dovuto rifinanziare la società per 14 milioni di euro, oppure mettere in liquidazione il club.
Sei le ipotesi di reato contestate dalla procura: appropriazione indebita, riciclaggio, impiego di proventi di provenienza illecita, autoriciclaggio, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte e falso in bilancio aggravato dalla transnazionalità.
Sono otto in tutto gli indagati, con Maurizio Zamparini anche il figlio Diego Paolo, il presidente del collegio sindacale del club rosanero Anastasio Morosi, la segretaria di Zamparini Alessandra Bonometti, Domenico Scarfò, Rossano Ruggeri, il presidente e il consigliere delegato di Alyssa, la società riconducibile a Zamparini che ha acquistato la MePal e il marchio rosanero, il belga Luc Braun e il lussemburghese Jean Marie Poos.

palermo.repubblica.it

Foto © Ansa

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta