Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Processo Maniaci. Ingroia: incomprensibile no a registrazioni Radio Radicale, l’interesse pubblico e' evidente

Rassegna Stampa

Processo Maniaci. Ingroia: incomprensibile no a registrazioni Radio Radicale, l’interesse pubblico e' evidente

ingroia antonio c giannini big“Nei paesi liberi e democratici non si ha paura della libera stampa, alla quale è anzi riconosciuto il ruolo di fondamentale cane da guardia della democrazia. E’ perciò incomprensibile la decisione del Tribunale di Palermo di negare a Radio Radicale l’autorizzazione a registrare le udienze del processo a carico di Pino Maniaci”. Così l’avvocato Antonio Ingroia, legale, con l’avvocato Bartolomeo Parrino, di Pino Maniaci. “E’ paradossale – aggiunge - che si dica che non c'è ‘alcun interesse sociale particolarmente rilevante’ per un processo il cui imputato, un giornalista antimafia conosciuto in tutto il mondo, è stato sbattuto sulle prime pagine dei principali quotidiani e nei titoli d’apertura di tutti i maggiori tg nazionali, un processo di cui si sono occupati anche giganti dell’informazione mondiale come la CNN. Se l’interesse pubblico c'era prima, nella fase delle indagini, a maggior ragione c'è adesso che si arriva alla fase dibattimentale, in cui la difesa può per la prima volta presentare le sue ragioni. Sorprende inoltre, anche per le motivazioni addotte, pure il parere contrario alle registrazioni espresso dalla procura. Di che si ha paura? Perché la pubblica opinione non deve sapere? Quello di Radio Radicale è un diritto sacrosanto e costituzionale, chiederò perciò alla prima udienza che il tribunale provveda revocando il provvedimento di diniego. Maniaci vuole che il suo sia un processo aperto, perché non ha nulla da nascondere e intende far conoscere a tutti la sua versione dei fatti. Il Tribunale – conclude Ingroia - riveda perciò la sua incomprensibile decisione”.

Foto © Castolo Giannini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta