Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: nuova richiesta archiviazione depistaggio Impastato

Rassegna Stampa

Mafia: nuova richiesta archiviazione depistaggio Impastato

impastato peppino1Palermo. Per la seconda volta, la Procura di Palermo ha chiesto al gip l'archiviazione dell'inchiesta sui presunti depistaggi sull'omicidio di Peppino Impastato, militante di Dp assassinato a Cinisi il 9 maggio 1978. Ad ottobre del 2012 la prima istanza, rigettata dal gip Maria Pino, che aveva imposto nuovi accertamenti. Ma la motivazione che aveva sostenuto la richiesta di chiusura del caso, cioè la prescrizione dei reati contestati ai quattro indagati, è stata ritenuta insuperabile dai magistrati che sono tornati a chiedere l'archiviazione. Sotto inchiesta, per favoreggiamento, sono il generale dell' Arma Antonio Subranni, l'ex sottufficiale Carmelo Canale e altri due esponenti dei carabinieri. A tirare in ballo, dopo oltre 30 anni, il nome dell'ex capo del Ros Subranni nella vicenda Impastato è stato il pentito Francesco Di Carlo, il quale ha raccontato ai magistrati che furono Nino e Ignazio Salvo, imprenditori mafiosi di Salemi (Trapani), a rivolgersi a Subranni per fare chiudere l'indagine sulla morte di Peppino Impastato. Il collaboratore ricordò di aver visto più volte l'ex capo del Ros negli uffici dei Salvo. "Gaetano Badalamenti (boss di Cinisi, ndr) - raccontò Di Carlo - spingeva Nino e Ignazio Salvo per parlare col colonnello. Dopo poco tempo mi ha detto: 'no, la cosa si è chiusa'. Non spuntava più niente nei giornali per un periodo, era stata archiviata". Subranni è sotto processo per minaccia a Corpo politico dello Stato nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa