Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Mafia: Pg Cassazione, per Strasburgo accertati reati Contrada

Rassegna Stampa

Mafia: Pg Cassazione, per Strasburgo accertati reati Contrada

Verdetto Ue "lascia intatte le accuse", e' solo un "contentino"
14 aprile 2015
Roma. "Le accuse contestate a Contrada e per le quali i magistrati italiani lo hanno condannato in via definitiva non sono state messe in discussione dalla Corte di Strasburgo che, infatti, gli ha riconosciuto solo il minimo liquidabile per danni morali, diecimila euro, e solo duemilacinquecento euro di spese legali a fronte delle imponenti cifre richieste dalla sua difesa". Lo sottolinea Vito D'Ambrosio, sostituto procuratore generale della Cassazione, interpellato a proposito del verdetto Ue sull'ex poliziotto del Sisde condannato a dieci anni di carcere per aver aiutato i latitanti di Cosa Nostra. Per D'Ambrosio - che è stato uno dei tre Pg della Suprema Corte applicati al maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone - quella ottenuta da Contrada non è una sentenza per la quale lasciarsi andare "a trionfalismi" perché la Corte di Strasburgo "ha riconosciuto il concorso esterno come figura di reato legittima". "Infatti i giudici europei - prosegue D'Ambrosio - non dicono che Contrada è stato condannato per un reato che non esisteva ma solo che è stato condannato per un reato che, a loro avviso, si stava delineando e approfondendo ma che, sicuramente, è da ritenersi 'stabilizzato' dal 1994". Secondo D'Ambrosio, che attende di poter leggere le motivazioni di Strasburgo, "questa sentenza, pur nel suo ristretto ambito di accoglimento del ricorso di Contrada, dimostra la scarsa dimestichezza dei giudici europei nei confronti della criminalità organizzata che è un fenomeno che non conoscono perché i loro Paesi non hanno una piaga del genere. E' innegabile che l'alta Corte si muove con difficoltà su questo terreno!". Tuttavia, "si tratta di una pronuncia che non incide assolutamente sulla sussistenza dei reati oggetti della condotta contestata a Contrada. E' solo un 'contentino'", conclude D'Ambrosio.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa