Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash 'Ndrangheta, Nicola Morra: ''La mafia e' stata ignorata per piu' di un secolo''

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, Nicola Morra: ''La mafia e' stata ignorata per piu' di un secolo''

di AMDuemila
"Vogliamo far capire che con questo progetto si avviano una serie di iniziative che porteranno sempre più la scuola italiana ad interessarsi di questioni che finora sono state abbandonate. Dice il generale Giuseppe Governale, capo della Dia, che l'Italia è l'unico Paese al mondo con un Presidente della Repubblica fratello di una vittima di mafia senza averne memoria. Senza ricordare cosa significhi avere alle spalle 150 anni di disconoscimento del fenomeno riconosciuto giuridicamente solo nel 1982 dopo l'omicidio Carlo Alberto dalla Chiesa". E’ così che è intervenuto il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, alla firma del protocollo d'intesa tra Ministero dell'Istruzione e la Presidenza della commissione parlamentare antimafia per favorire l'educazione alla legalità. "In verità - ha dichiarato Morra - la mafia esiste da prima dell'Unità d'Italia e vogliamo educare la futura cittadinanza, i nostri studenti, a saper fare i conti con aziende che si nutrono di bilanci impostati secondo regole mafiose, con comportamenti volti a favorire intestazioni fittizie di beni o false fatture. Non possiamo osannare Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia se non lo leggiamo ai nostri studenti. Abbiamo un cinema neorealista che ha raccontato tali scenari, trasmettiamo questi contenuti. Ci sono posti in Calabria dove non si può neanche respirare se certi signori non lo vogliono. - ha concluso - Il campo estivo di Locri che inauguriamo oggi si terrà in beni confiscati alla mafia ed è una risposta concreta ed efficace per insegnare che non si può sottovalutare la mafia ignorata per oltre un secolo. Le regole sono tali se vengono rispettate da tutti, la cultura antimafia è essenziale per la crescita della comunità".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa