Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: Morra, ''su omicidio agente Agostino battaglia contro silenzi e muri di gomma''

Rassegna Stampa

Mafia: Morra, ''su omicidio agente Agostino battaglia contro silenzi e muri di gomma''

"Se qualcosa si muove lo si deve ad alcuni inquirenti che, instancabilmente, non hanno desistito", ma "la battaglia non è semplice, e non la si vince se non con un lavoro che continua, silenziosamente, imperterrito, duro, capace di non rallentare dopo decenni di tentativi, di muri di gomma, di silenzi". Lo scrive su Facebook il senatore del M5S e presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, commentando la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura generale di Palermo per Antonino Madonia e Gaetano Scotto, accusati di essere gli esecutori materiali dell'omicidio dell'agente di polizia Antonino Agostino e della moglie Ida Castelluccio. Nel post, Morra riporta le dichiarazioni del padre del poliziotto ucciso il 5 agosto del 1989. "La verità sulla morte di mio figlio e di mio nuora è dentro lo Stato. Ringrazio i magistrati per il loro prezioso lavoro, finalmente dopo tanti anni, vediamo la speranza di un processo. E un punto di partenza, perché non conosciamo ancora i nomi dei mandanti. Qualcuno dentro lo Stato sa, ma continua a restare in silenzio". Per Morra si tratta di "parole che fanno comprendere la sofferenza, enorme, di un padre, Vincenzo Agostino, che dopo 31 anni forse potrà conoscere la verità sull'omicidio di suo figlio. Parole che però non escludono un reale motivo di speranza". Grazie "alla procura generale di Palermo - conclude Morra -, ma anche e soprattutto a Vincenzo Agostino, un uomo eccezionale, la cui grandezza è direttamente proporzionale alla sofferenza vissuta insieme alla moglie".

AdnKronos

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Agostino, la Procura generale ha chiesto il rinvio a giudizio per Madonia e Scotto

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa