Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Inchiesta ''Ombre nere'', a Nucera contestata l'accusa di eversione

Rassegna Stampa

Inchiesta ''Ombre nere'', a Nucera contestata l'accusa di eversione

di AMDuemila
Domiciliari per l'imprenditore 65enne, referente di Forza Nuova

Arresti domiciliari per Pasquale Nucera, ex referente della cosca ‘ndranghetistica Iamonte, ex collaboratore di giustizia nonché vice coordinatore di Forza Nuova per la provincia di Imperia. L’uomo è coinvolto nell'inchiesta "Ombre nere" sull'eversione di estrema destra e ritenuto il reclutatore del gruppo. Il sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Genova ha chiesto e ottenuto la misura con l'aggravante della finalità di terrorismo e di eversione dell'ordine democratico. Il gip ha disposto gli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico. A eseguirla sono stati gli agenti della Digos di Genova e di Imperia. Nucera era referente di Forza Nuova nel ponente ligure ed era stato indagato nell'ambito dell'inchiesta Ombre nere della Dda di Caltanissetta. In un'intercettazione era emerso che sarebbe stato lui a proporre di lanciare una molotov contro una sede Anpi del Nord Italia. Sul suo profilo Facebook, dove si faceva chiamare Yavres Leon, pubblicava parecchie immagini relative al passato nella legione straniera, ma anche svastiche e immagini inneggianti al fascismo e a Mussolini. Oltre a Nucera, la Digos di Genova aveva perquisito le abitazioni di altri 3 indagati, due uomini e una donna, tutti genovesi, trovando soprattutto materiale propagandistico di estrema destra. A Nucera, gli investigatori avevano trovato numerose armi bianche e materiale propagandistico di estrema destra, due fucili ad aria compressa (di cui uno clandestino), un fucile Flobert, varie repliche ad aria compressa di pistole e addirittura un "silenziatore” e diverse munizioni. L'indagato aveva, presso un'altra abitazione in Francia, altre armi da fuoco (nove fucili e cinque pistole) sequestrate dalla polizia d'Oltralpe.

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa