Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Strage dei Georgofili: a Firenze celebrato il ricordo delle vittime

Rassegna Stampa

Strage dei Georgofili: a Firenze celebrato il ricordo delle vittime

Il presidente della Camera: “Mai abbassare l’attenzione”
di AMDuemila
Era la notte tra il 26 e 27 maggio 1993 quando a Firenze, alle ore 1:04, esplose una bomba in Via dei Georgofili che danneggiò gravemente parte della Galleria degli Uffizi e del Corridoio Vasariano, distruggendo per sempre alcune opere d'arte, ma soprattutto stroncò la vita di Dario Capolicchio, 22 anni, bruciato davanti agli occhi della fidanzata Francesca Chelli, e della famiglia Nencioni: Fabrizio, la moglie Angela Fiume e le due bimbe Nadia, 9 anni, e Caterina, 50 giorni, oltre a una quarantina di feriti. E’ proprio la scorsa notte, nelle forme consentite dalle disposizioni di sicurezza anti-Covid, che c’è stata la commemorazione della strage mafiosa. Dalla mezzanotte e mezzo un piccolo corteo si è mosso da Palazzo Vecchio al luogo dell'attentato, al quale erano presenti il vicesindaco Cristina Giachi, il prefetto Laura Lega, e l'assessore regionale alla presidenza Vittorio Bugli. All’ora dell’esplosione è stata deposta una corona dal sindaco di Firenze sotto la lapide che ricorda l'attentato mafioso, presente anche il gonfalone del Comune e una rappresentanza dei vigili urbani. Oltre a questo, questa mattina, al cimitero della Romola, altra cerimonia con la deposizione di corone di fiori sulla tomba della famiglia Nencioni, originaria del paese. "Il loro ricordo, indelebile nei nostri pensieri - ha detto il sindaco di San Casciano Val di Pesa, Roberto Ciappi - si deve tradurre in un'azione quotidiana di contrasto alla violenza, alla prevaricazione, alla mafia che dobbiamo combattere cercando di essere cittadini migliori, esprimere senso civico e responsabilità solidale, attenti a non mostrare indifferenza di fronte alle ingiustizie e qualunque forma di illegalità”. Presenti tra gli altri al cimitero, l'assessore alla cultura della legalità del Comune di Firenze Alessandro Martini, e il presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime Luigi Dainelli, che è anche lo zio di Nadia e Caterina Nencioni.
A ricordare la strage è stato anche quest’oggi il presidente della Camera, Roberto Fico. "Il lungo iter processuale - ha detto - definì la matrice mafiosa di una strage che ha spezzato affetti e distrutto progetti e percorsi di vita. La città di Firenze ha sempre vivo il ricordo di tanto ingiustificato orrore. Un ricordo che non può essere disgiunto, soprattutto nei familiari delle vittime e in coloro che quella tragedia l'hanno personalmente vissuta, dalla legittima aspettativa di una piena verità su tutte le responsabilità, anche storiche e politiche, legate a quell'evento. È necessario non abbassare mai il livello di attenzione rispetto alla mafia: la democrazia, la nostra vita di comunità, vanno costantemente difese ed alimentate". Secondo Fico noi “siamo sempre chiamati a confrontarci con nuove sfide, ma ciò che deve sostenerci, anche nei momenti più difficili, è la consapevolezza di essere figli di una straordinaria storia di resistenza e resilienza rispetto ad avversari temibili e a pericolose minacce: la dittatura, i terrorismi, le mafie; una storia che ci ha lasciato in eredità la Carta costituzionale, con inestimabili valori di libertà e di democrazia, e di cui sono stati protagonisti, nelle pagine sulla lotta alla criminalità organizzata, uomini speciali come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino". "È questa consapevolezza, soprattutto, che deve aiutarci a guardare con fiducia al nostro futuro - ha concluso Fico - mantenendo sempre salde, e non negoziabili, le nostre ambizioni di giustizia e solidarietà”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa