Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Droga, la proposta di Gratteri: ''Onu debole, ci vuole imposizione conversione colture Coca''

Rassegna Stampa

Droga, la proposta di Gratteri: ''Onu debole, ci vuole imposizione conversione colture Coca''

di AMDuemila
"L'Onu è un organismo debole perché se fosse forte imporrebbe a Colombia, Bolivia e Perù la conversione delle colture di coca. Così potremmo sconfiggere traffico di cocaina, l'unico che potrebbe essere sconfitto completamente perché ha ragione Gabrielli quando dice che il traffico di droga esisterà finché esiste l'uomo". Con queste parole il Procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri è intervenuto nel corso del convegno degli esperti antidroga organizzato dalla Direzione centrale Antidroga del Dipartimento, 'No drug, no problem', in svolgimento oggi e domani a Roma.
In precedenza il capo della Polizia Franco Gabrielli, nel suo intervento di apertura dei lavori aveva affermato: "La repressione è fondamentale, ma più importante è la prevenzione: perché quello della Droga è un mercato e, come tutti i mercati, c'è un'offerta se c'è una domanda. Dunque va ridotta la domanda". E poi aveva lanciato l'allarme: "Si abbassa l'eta' media e si allarga la base dei consumatori - ha detto - E' quindi necessario che tutte le principali agenzie educative del paese uniscano i loro sforzi. E' questo il pilastro su cui costruire il percorso" per ridurre la domanda.
"A noi forze dell'ordine - aveva aggiunto il capo della Polizia - spetta il contrasto, dobbiamo incidere il bubbone della 'Ndrangheta che e' il broker mondiale del traffico, perché è chiaro che quando la malattia è acuta bisogna operare. Ma quello che serve è una medicina preventiva, non sempre con la chirurgia si possono risolvere le questioni".
Le medesime posizioni e allarmi sono state ribaditi anche dal comandante generale della Guardia di Finanza, il generale Giuseppe Zafarana, e dal comandante generale dei Carabinieri Giovanni Nistri.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa