Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: beni confiscati rinati con la Chiesa

Rassegna Stampa

Mafia: beni confiscati rinati con la Chiesa

Luoghi di aggregazione ma anche occasioni di lavoro pulito
di AMDuemila
Dagli oratori alle fabbriche di olio, dalle basi per gli scout a nuove cappelle. I beni confiscati alla mafia rivivono anche grazie all'impegno della Chiesa italiana. Sono più del 20 per cento le realtà che hanno in gestione beni confiscati sono appunto legate a diocesi e parrocchie: 170 esperienze su 782 buone prassi nel campo. Ne parla il libro "Dalle mafie ai cittadini" firmato dai giornalisti Toni Mira e Alessandra Turrisi per le edizioni San Paolo. Un libro che racconta "la meraviglia di questo Bene sorto dal male, di questi luoghi che sono stati e continuano ad essere per tante persone, a volte per interi territori, strumenti di riscatto sociale, culturale, civile", come sottolinea nella prefazione il presidente di Libera, dallemafieaicittadinidon Luigi Ciotti. A Gioiosa Ionica, in Calabria, 130 ragazzi frequentano l'oratorio in quella che fu la villa a due piani di Antonio Femia, broker della droga per conto delle famiglie della 'Ndrangheta. Non è stato semplice: dopo l'assegnazione alla diocesi di Locri-Gerace un incendio doloso aveva reso quasi inservibile la villa; ma il vescovo, mons. Franco Oliva, è andato avanti, l'ha fatta riparare e a giugno del 2017 la struttura è stata inaugurata. A Castelvetrano, in provincia di Palermo, alcuni terreni confiscati alla famiglia di Matteo Messina Denaro sono stati affidati alla comunità di recupero 'Casa dei giovani', fondata da don Salvatore Lo Bue nel 1983. E' qui che sono gli ulivi dai quali si produce l'olio santo utilizzato nelle celebrazioni di tante chiese della diocesi di Palermo. Tra queste esperienze c'e' anche una vera e propria chiesa sorta su un terreno confiscato. Al momento è l'unica ed è la parrocchia di San Gaetano Catanoso a Gioia Tauro. Lo scorso giugno vi ha celebrato messa anche il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, in occasione del Congresso Eucaristico della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi. "Là dove doveva sorgere un palazzo della 'ndrangheta - hanno sottolineano Mira e Turrisi nel loro saggio - ora c'è la 'casa del Signore'. Una storia bella ma lunghissima, esemplare nei ritardi nel'utilizzo dei beni confiscati, ma anche di come, perfino una chiesa, possa 'disturbare' i mafiosi".
Sempre in Calabria, a Siderno, un immobile della 'famiglia' Macri' è diventata la base degli scout e di altre associazioni cattoliche che si occupano di minori a rischio.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa