Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Rassegna Stampa

Mafia nigeriana, torna libero 'organizzatore' associazione

Gip Tribunale di Bologna ha disposto scarcerazione per 33enne
Bologna. Torna libero un nigeriano di 33 anni, Godwin Emwinghare, fermato a Parma nell'ambito della maxi operazione della polizia che ha smantellato un clan dedito al mercato di droga e prostituzione in Emilia-Romagna e in Piemonte, con l'esecuzione nelle scorse settimane di diversi provvedimenti per associazione mafiosa. Lo ha deciso il Gip del Tribunale di Bologna Alberto Gamberini: per il 33enne, difeso dall'avvocato Savino Lupo, è stata disposta la scarcerazione per mancanza di indizi gravi di colpevolezza. Era considerato dagli investigatori, che hanno scoperto i vertici della confraternita 'Cult Maphite' l''organizzatore' dell'associazione a Bologna. Chiamato in causa dalle dichiarazioni di un pentito, si è sempre dichiarato estraneo. Dopo l'udienza di convalida il fascicolo e' passato da Parma a Bologna, vista la competenza della Direzione Distrettuale Antimafia. Dal pm Stefano Orsi è arrivata la richiesta di rinnovo dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere. "Il giudice, il dottor Gamberini - ha spiegato l'avvocato Savino Lupo - ne ha disposto la scarcerazione per mancanza di indizi gravi di colpevolezza in quando la chiamata in reità o in correità non era suffragata da ulteriori elementi probatori. E' l'unico per cui è stata respinta la richiesta di custodia cautelare".

ANSA