Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Proiettili a giornalista: analisi su busta per impronte

Rassegna Stampa

Proiettili a giornalista: analisi su busta per impronte

Vittima ha trovato busta e telefonato a forze ordine
Udine. La busta con due proiettili calibro 6,35 recapitata stamani a Giovanni Taormina è già stata inviata al Gabinetto interregionale della Polizia scientifica di Padova per eseguire l'esaltazione delle impronte papillari latenti alla ricerca di tracce dell'autore dell'intimidazione. E' stato lo stesso giornalista a trovare la busta gialla con il suo nome - scritto probabilmente con un normografo - all'arrivo sul posto di lavoro. Era a poca distanza dalla buca delle lettere della sede Rai di Udine. Dopo averla aperta e aver scoperto il contenuto ha chiamato le forze dell'ordine. Del caso si sta occupando la Polizia con la Digos della Questura di Udine che ha ascoltato Taormina in giornata. Lo scenario è quello di un'intimidazione legata alla criminalità organizzata che potrebbe essere legata all'attività di giornalista. Gli investigatori approfondiscono in particolare possibili risvolti collegati a una recente intervista fatta da Taormina a un pentito di 'ndrangheta. Non si esclude però neppure un episodio legato alla criminalità comune. All'interno della busta era stata allegata anche una foto scattata a Palmanova in occasione di una fiaccolata per la morte di Alice, la sedicenne friulana deceduta a ottobre nei bagni della stazione ferroviaria di Udine a causa di un'overdose (e non, come riportato in precedenza, in occasione di un evento di Libera). Tra le ipotesi al vaglio anche il gesto di un mitomane o ipotesi non legate all'attività professionale.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa