Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Maggiani Chelli: ''Falcone, Borsellino, le stragi del '93. La trattativa Stato-Mafia e' stata la condanna a morte dei nostri parenti''

Rassegna Stampa

Maggiani Chelli: ''Falcone, Borsellino, le stragi del '93. La trattativa Stato-Mafia e' stata la condanna a morte dei nostri parenti''

maggiani chelli giovanna 850

Profondamente colpiti dalla personalità dirompente della Dottoressa Fiammetta Borsellino, abbiamo seguito la trasmissione “Che tempo che fa” andata in onda domenica scorsa sulla Rai 1.
La dottoressa Borsellino è nelle nostre attenzioni perché suo padre il giudice Borsellino è stato ucciso, come i nostri parenti, dal gruppo di fuoco di Leoluca Bagarella. Malgrado la sentenza di Cassazione del 6 maggio 2002, le morti dei due giudici, Falcone e Borsellino, vengono attribuite, giornalisticamente parlando, come appartenenti ad un’unica strategia stragista.
La trattativa Stato-Mafia, è ormai conclamato, è stata la condanna a morte dei nostri parenti più cari. Saranno i processi a stabilire le intenzioni e le vendette della mafia verso i giudici di Palermo; ma nel frattempo siamo meravigliati che nelle Rai di Stato si sposino tesi che sconvolgono la realtà dei processi come quelli di Firenze, e come quello a Francesco Tagliavia, i quali sanciscono che trattativa ci fu.
Gli appalti, gestiti dal Ministro dei lavori pubblici della mafia, non c’entrano nulla con i massacri del 1993: ormai è prova provata.
Ai microfoni importanti, per i quali paghiamo il canone, hanno parlato giornalisti e figlie di giudici uccisi dalla mafia. Nel 1993 sono state uccise anche persone innocenti normali: per loro non parla nessuno, né familiari delle vittime e neppure i magistrati che da anni si battono per la verità sulle stragi del 1993, ovvero per la trattativa Stato-Mafia. Forse è il caso di fermare una deriva pericolosa in nome di un dolore più che giusto, ma proprio per il senso di giustizia a cui tutti abbiamo diritto è necessario dare spazio e parola anche a quanti in Italia hanno sofferto in quel 1993 o a chi per loro.

Giovanna Maggiani Chelli

Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ARTICOLI CORRELATI

I parenti delle vittime di mafia non dicano falsità

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa