Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafie: Fondazione Caponnetto, controllare cantieri 'a tappeto'

Rassegna Stampa

Mafie: Fondazione Caponnetto, controllare cantieri 'a tappeto'

Richiesta a commissione inchiesta Consiglio regionale Toscana
Firenze. Controlli "innovativi a tappeto" al momento della chiusura dei cantieri "di qualsiasi genere, ma rilevanti per dimensione", e "prima dell'ultima tranche di pagamento". E' la ricetta contro le infiltrazioni mafiose in Toscana promossa oggi dal presidente della Fondazione Caponnetto, Salvatore Calleri, nel corso dell'audizione nella commissione d'inchiesta in merito alle discariche sotto sequestro e al ciclo dei rifiuti del Consiglio regionale insieme al membro dell'ufficio di presidenza dell'associazione, Renato Scalia. Sollecitati entrambi dalla commissione su un "modello che può limitare al minimo le infiltrazioni", Calleri ha proposto inoltre di "richiedere l'informativa antimafia per tutte le autorizzazioni".
"La certificazione - ha spiegato - si aggira e non permette di ricostruire la storia delle diverse società". Scalia e Calleri hanno inoltre fatto il punto sulla situazione toscana: la presenza più capillare sul territorio, hanno spiegato, è quella camorristica, con attività consolidate a livello locale e insediamenti in provincia di Pisa, in Versilia, nel Valdarno aretino e in provincia di Prato. I casalesi risultano essere un clan "molto attivo", ma non l'unico, nel business dello smaltimento illecito di rifiuti. "Quanto emerso oggi - ha commentato il presidente della commissione, Giacomo Giannarelli (M5s) - è uno stimolo ancora maggiore ad indagare e proporre elementi utili alla redazione di atti regionali non più procrastinabili"."Parlare di mafia e criminalità organizzata in Toscana oggi - ha concluso Giannarelli - significa abbattere il muro dell'auto-omertà; così lanciamo un segnale forte a tutti i cittadini che credono nella legalità".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa