Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Nasce giardino 'giustizia', 27 querce per magistrati uccisi

Rassegna Stampa

Nasce giardino 'giustizia', 27 querce per magistrati uccisi

raggi bonafede giardino giustizia c imagoeconomicaA Roma. Bonafede, erano eroi, senza mantello ma con toga
Roma. Ventisette querce per ricordare altrettanti magistrati, uccisi nell'esercizio del proprio dovere. Alberi che creano un piccolo bosco circolare percorso da un sentiero a spirale che conduce al centro del primo giardino della giustizia, inaugurato oggi nel quartiere della Romanina, nella periferia est di Roma. La sindaca Virginia Raggi ha parlato di "un quartiere spesso ricordato per episodi di violenza, abusi e mafia", si tratta infatti di un territorio spesso considerato come un feudo della famiglia dei Casamonica. "Noi - ha aggiunto la sindaca - non abbassiamo la guardia e vogliamo ribadire oggi che la presenza delle istituzioni in difesa della legalità è forte. Roma non arretra davanti alla criminalità".

raggi virginia giardino giustizia c imagoeconomica


Da Antonino Scopelliti a Giovanni Falcone, a Francesca Morvillo e Paolo Borsellino "eroi che hanno combattuto contro il male anche senza avere uno stemma e un mantello ma indossando una toga. Dobbiamo ricordarli, perché loro non erano immortali ma il ricordo lo è", ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede parlando agli alunni delle due scuole del territorio presenti all'inaugurazione. "Noi in Italia - ha aggiunto Bonafede - siamo abituati a pensare alla Giustizia come ad una cosa con cui si ha a che fare se qualcosa è andato storto nella tua vita, ma non è soltanto questo. una battaglia culturale per dire che lo Stato è presente in ogni angolo di questo Paese dove si combatte contro l'illegalità".
L'assessore capitolina all'Ambiente Pinuccia Montanari ha spiegato che "piantare alberi per ricordare personalità che si sono contraddistinte per azioni importanti è un segnale per sottolineare il forte impegno dell'amministrazione Capitolina sul fronte della legalità contro ogni forma di ingiustizia e sopraffazione".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa