Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Dell'Utri: Sarti (M5S), garantire salute ma certezza pena

Rassegna Stampa

Dell'Utri: Sarti (M5S), garantire salute ma certezza pena

sarti giulia c imagoeconomicaRoma. "Siamo sempre più convinti della necessità di intervenire per dare maggiore sicurezza ai cittadini, garantendo tempi più rapidi dei processi e una disciplina controllata delle misure premiali e dei benefici penitenziari, sempre nel rispetto del principio di rieducazione della pena: obiettivi già formalizzati nel contratto di Governo, insieme ad una riforma opportuna dell'ordinamento penitenziario. Noi siamo già al lavoro e ce la metteremo tutta per ricostruire quel rapporto di fiducia tra cittadini e giustizia, indispensabile in un paese democratico". Così in una nota Giulia Sarti, presidente (M5S) in commissione Giustizia alla Camera, commentando il caso dell'Utri. "All'ennesimo tentativo da parte dei propri difensori, il Tribunale di Sorveglianza di Roma - prosegue - ha accolto la richiesta di scarcerazione di Marcello Dell'Utri. Rispettiamo le decisioni dei giudici, ma è un dato di fatto che un personaggio, già stato latitante nel 2014, ritenuto garante "decisivo" dell'accordo tra Berlusconi e Cosa nostra fino al 1992 e poi ancora portatore del ricatto di Cosa nostra allo Stato, cinghia di trasmissione tra la mafia e il primo governo Berlusconi del '94, ora potrà tornare a scontare il resto della sua pena non in una struttura carceraria, bensì nella propria casa. E ciò, sebbene fosse già stata negata la relativa richiesta non appena 4 mesi fa, quando, nonostante le condizioni di salute già precarie, non era stata esclusa la possibilità di fuga e le cure mediche all'interno del carcere fossero state considerate all'epoca idonee".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa