Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Dell'Utri: Sarti (M5S), garantire salute ma certezza pena

Rassegna Stampa

Dell'Utri: Sarti (M5S), garantire salute ma certezza pena

sarti giulia c imagoeconomicaRoma. "Siamo sempre più convinti della necessità di intervenire per dare maggiore sicurezza ai cittadini, garantendo tempi più rapidi dei processi e una disciplina controllata delle misure premiali e dei benefici penitenziari, sempre nel rispetto del principio di rieducazione della pena: obiettivi già formalizzati nel contratto di Governo, insieme ad una riforma opportuna dell'ordinamento penitenziario. Noi siamo già al lavoro e ce la metteremo tutta per ricostruire quel rapporto di fiducia tra cittadini e giustizia, indispensabile in un paese democratico". Così in una nota Giulia Sarti, presidente (M5S) in commissione Giustizia alla Camera, commentando il caso dell'Utri. "All'ennesimo tentativo da parte dei propri difensori, il Tribunale di Sorveglianza di Roma - prosegue - ha accolto la richiesta di scarcerazione di Marcello Dell'Utri. Rispettiamo le decisioni dei giudici, ma è un dato di fatto che un personaggio, già stato latitante nel 2014, ritenuto garante "decisivo" dell'accordo tra Berlusconi e Cosa nostra fino al 1992 e poi ancora portatore del ricatto di Cosa nostra allo Stato, cinghia di trasmissione tra la mafia e il primo governo Berlusconi del '94, ora potrà tornare a scontare il resto della sua pena non in una struttura carceraria, bensì nella propria casa. E ciò, sebbene fosse già stata negata la relativa richiesta non appena 4 mesi fa, quando, nonostante le condizioni di salute già precarie, non era stata esclusa la possibilità di fuga e le cure mediche all'interno del carcere fossero state considerate all'epoca idonee".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa