Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: Cassazione conferma custodia per 16 clan Spada

Rassegna Stampa

Mafia: Cassazione conferma custodia per 16 clan Spada

toghe cassazione c imagoeconomicaInchiesta "Eclisse", la prima con l'accusa di 416 bis
Roma. Sono state confermate dalla Cassazione 16 custodie cautelari in carcere per altrettanti appartenenti al clan Spada, arrestati lo scorso 25 gennaio nell'ambito dell'inchiesta "Eclisse" della Dda di Roma. E' la prima volta che la famiglia Spada finisce in carcere, da subito, con l'accusa di mafia. Restano in carcere: Ottavio, Roberto, Vittorio e Carmine Spada, Francesco, Nando e Armando De Silvio. La Cassazione, inoltre, ha confermato il carcere per Roberto Pergola, Roberto Sassi, Mauro Carfagna, Ramy e Samy Serour, Saber Maglioli, Stefano De Dominicis e Fabrizio Rutilio. Questo primo gruppo di 16 ricorsi di affiliati al clan Spada, si riferisce all'inchiesta che il 25 gennaio scorso aveva spiccato 32 ordinanze di custodia in carcere.
Questa è la conferma della prima tranche di arresti arrivata al vaglio della Cassazione che, nei mesi scorsi, in più occasioni, aveva chiesto ai giudici di merito di contestare agli Spada l'aggravante mafiosa e non la semplice associazione a delinquere.
Gli arresti sono stati firmati lo scorso 25 gennaio dal gip di Roma, per una operazione scattata all'alba sul litorale della capitale dove gli Spada, subentrati al precedente dominio dei Fasciani, compiono estorsioni, racket, traffico di droga e violenze culminate anche in alcuni omicidi. A febbraio, il tribunale del riesame della capitale aveva convalidato le misure detentive e adesso anche i supremi giudici hanno dato il loro via libera sia al carcere, sia all'accusa di associazione mafiosa. Ad essere stato respinto è anche il ricorso di Roberto Spada, il giovane boss che, pochi mesi fa, aveva colpito con una testata il giornalista della troupe televisiva di Nemo, aggredendo anche l'operatore.
La procura della Cassazione, rappresentata dal sostituto procuratore generale Pietro Gaeta, aveva chiesto l'inammissibilità dei ricorsi e la conferma del carcere per gli aderenti al clan Spada. La quinta sezione penale, presieduta da Maurizio Fumo, ha accolto le richieste della procura e i ricorsi sono stati dichiarati in parte inammissibili, in parte sono stati respinti.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa