Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Ostia, minacce a Angeli: ''E' tentata violenza privata, da rifare il processo a Spada''

Rassegna Stampa

Ostia, minacce a Angeli: ''E' tentata violenza privata, da rifare il processo a Spada''

angeli federicaIl giudice restituisce gli atti al pubblico ministero che dovrà istruire nuove indagini
di Maria Elena Vincenzi
Tutto da rifare: non sono minacce ma "tentata violenza privata". Lo ha stabilito il giudice monocratico del tribunale di Roma nell'ambito del processo che vede imputato Armando Spada di minacce ai danni della cronista di Repubblica Federica Angeli. Per questo gli atti devono essere rinviati al pubblico ministero che dovrà istruire nuove  indagini.
Armando Spada era accusato di aver minacciato di morte la giornalista di Repubblica Federica Angeli che insieme a due operatori Luca Ferrari e Marco Fagnocchi era andata allo stabilimento Orsa Maggiore di Ostia per un’inchiesta sulle infiltrazioni della criminalità organizzata negli stabilimenti balneari di Ostia.
“Te sparo in testa”, le aveva detto Spada. Il pubblico ministero aveva chiesto un anno di reclusione, mentre gli avvocati della difesa avevano auspicato l’assoluzione. Il legale di parte civile, Giulio Vasaturo, ha auspicato un risarcimento da 50mila euro da donare, per volere della stessa Angeli, alle associazioni che sostengono i giornalisti minacciati.
Federica Angeli aveva raccontato in aula il 19 febbraio le minacce subite da Armando Spada all'interno dello stabilimento. Una testimonianza di un'ora nella quale la giornalista ha ripercorso i lunghi attimi del 23 maggio 2013, giorno in cui è stata rinchiusa all'interno di una stanza e minacciata "perché stavo facendo il mio lavoro d'inchiesta".
Non erano mancati momenti di forte emozione, in particolare quando la giornalista ha raccontato della sua vita, e di come è cambiata dal momento in cui le è stata data la scorta, proprio in seguito
alle sue denunce: "Il prefetto chiamò il giornale e in poco tempo la mia vita è cambiata. Da quel giorno non ho più la libertà che avevo prima", ha spiegato. Voce tremolante e occhi lucidi aveva proseguito: "Da allora devo viaggiare sempre sotto scorta. Non posso neanche affacciarmi al balcone. Spiegarlo ai bambini è stato difficile. Ho tre figli. È tutto cambiato. Non posso nemmeno portarli a prendere il gelato".

roma.repubblica.it

ARTICOLI CORRELATI

Federica Angeli in aula contro gli Spada, ''non ho paura''

In tanti con Federica Angeli contro gli attacchi alla libera informazione

Unci: minacce a Paolo Borrometi e Federica Angeli, solidarieta' dell'unione cronisti

''Donne della mafia VS donne dell'antimafia''. 30 e 31 ottobre a Roma

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa