Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: tante adesioni all'appello di Borrometi e Don Ciotti

Rassegna Stampa

Mafia: tante adesioni all'appello di Borrometi e Don Ciotti

minacce ai giornalistiTante firme da Maggioni a Orfeo,da Luigi Contu a Marco Tarquinio
Roma. Si moltiplicano le firme in calce all'appello lanciato nei giorni scorsi da don Luigi Ciotti e da un gruppo di cronisti minacciati, tra i quali Federica Angeli, Michele Albanese, Lirio Abbate, Paolo Borrometi, Sandro Ruotolo. All'appello, tra gli altri, hanno immediatamente aderito la Federazione della Stampa, l'Ordine dei Giornalisti, l'Usigrai, Articolo 21, Libera Informazione, Ossigeno, No Bavaglio e decine e decine di giornaliste e giornalisti. Nell'appello, tra l'altro, si chiede ai direttori di tutte le testate italiane di riprendere le inchieste dei cronisti minacciati, di "illuminare" i luoghi della mafia e del malaffare e di promuovere, nella settimana tra il 25 aprile l'1 maggio, una campagna straordinaria per rimettere al centro dell'agenda politica e mediatica il tema del contrasto alle mafie e alla corruzione. Nei giorni scorsi, avevano già risposto: il direttore della TGR, Vincenzo Morgante, il direttore di Rai News 24, Antonio Di Bella, il direttore del quotidiano Alto Adige, Alberto Faustini, il direttore de La Nuova Sardegna, Antonio Di Rosa. Tra ieri e oggi hanno dato la loro adesione la presidente della Rai, Monica Maggioni, il direttore generale, Mario Orfeo, il direttore dell'Ansa, Luigi Contu, il direttore news di Tv2000, Lucio Brunelli, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso, il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, la direttrice di Rai Storia, Silvia Calandrelli, e il direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato. La raccolta delle adesioni prosegue sui siti della Federazione Nazionale della Stampa, dell'Ordine dei Giornalisti, dell'Usigrai e di Articolo 21.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato


LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta