Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: tante adesioni all'appello di Borrometi e Don Ciotti

Rassegna Stampa

Mafia: tante adesioni all'appello di Borrometi e Don Ciotti

minacce ai giornalistiTante firme da Maggioni a Orfeo,da Luigi Contu a Marco Tarquinio
Roma. Si moltiplicano le firme in calce all'appello lanciato nei giorni scorsi da don Luigi Ciotti e da un gruppo di cronisti minacciati, tra i quali Federica Angeli, Michele Albanese, Lirio Abbate, Paolo Borrometi, Sandro Ruotolo. All'appello, tra gli altri, hanno immediatamente aderito la Federazione della Stampa, l'Ordine dei Giornalisti, l'Usigrai, Articolo 21, Libera Informazione, Ossigeno, No Bavaglio e decine e decine di giornaliste e giornalisti. Nell'appello, tra l'altro, si chiede ai direttori di tutte le testate italiane di riprendere le inchieste dei cronisti minacciati, di "illuminare" i luoghi della mafia e del malaffare e di promuovere, nella settimana tra il 25 aprile l'1 maggio, una campagna straordinaria per rimettere al centro dell'agenda politica e mediatica il tema del contrasto alle mafie e alla corruzione. Nei giorni scorsi, avevano già risposto: il direttore della TGR, Vincenzo Morgante, il direttore di Rai News 24, Antonio Di Bella, il direttore del quotidiano Alto Adige, Alberto Faustini, il direttore de La Nuova Sardegna, Antonio Di Rosa. Tra ieri e oggi hanno dato la loro adesione la presidente della Rai, Monica Maggioni, il direttore generale, Mario Orfeo, il direttore dell'Ansa, Luigi Contu, il direttore news di Tv2000, Lucio Brunelli, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso, il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, la direttrice di Rai Storia, Silvia Calandrelli, e il direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato. La raccolta delle adesioni prosegue sui siti della Federazione Nazionale della Stampa, dell'Ordine dei Giornalisti, dell'Usigrai e di Articolo 21.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa