Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Podenzano, intitolata ad Emanuela Loi la sezione ''antimafia'' della biblioteca

Rassegna Stampa

Podenzano, intitolata ad Emanuela Loi la sezione ''antimafia'' della biblioteca

loi c fb ricordando emanuela loiGiovedì 8 marzo l’associazione 100×100 in Movimento inaugura la decima “sezione lotta alle mafie” presso le biblioteche comunali del territorio piacentino.

A Podenzano sarà intitolata ad Emanuela Loi, agente di scorta di Paolo Borsellino assassinata nell’attentato terroristico-mafioso del 19 luglio 1992 a Palermo. Con lei vennero uccisi il giudice Borsellino, i colleghi Agostino Catalano, Claudio Traina, Walter Eddie Cosina e Vincenzo Li Muli. Unico superstite Antonio Vullo.

Ospite d’onore dell’incontro sarà I.M.D., poliziotto e scrittore, fondatore e presidente onorario di 100×100 in ;ovimento, che per oltre 15 anni ha operato nella Catturandi di Palermo, partecipando all’arresto di boss del calibro di Bernardo Provenzano, Salvatore e Sandro Lo Piccolo, Giovanni Brusca e tantissimi altri.

Partecipera inoltre, in rappresentanza dell’assemblea di Piacenza “Non una di meno”, una giovane attivista, Miriam Dragotta, che interverrà più nello specifico sull’impegno delle donne in ruoli particolarmente pericolosi. Filippo Arcelloni di Teatro Trieste 34 e PKD, rappresenterà una parte di uno spettacolo dedicato alla prevenzione dell’uso di droghe tra i ragazzi.

Il progetto “Sezioni lotta alle mafie” sarà illustrato da Rossella Noviello, presidente di 100×100 in movimento. Moderatrice la giornalista Maria Vittoria Gazzola.

“Siamo onorati – spiegano dall’associazione – di poter intitolare ad Emanuela un luogo di cultura frequentato soprattutto da giovani e giovanissimi. Emanuela amava l’insegnamento, aveva studiato per  fare l’insegnante. Il destino le ha fatto incrociare una strada diversa e lei ha scelto di impegnare la propria vita al servizio del bene. Amava il suo lavoro e lo svolgeva con Amore e passione. Esempio massimo di senso del dovere, con semplicità ed umiltà. Un grande esempio per tutte le generazioni che verranno”.

Emanuela Loi Il 19 luglio 1992 Emanuela aveva 24 anni e stava difendendo lo Stato e Paolo Borsellino con la sua scorta. Prima agente donna della Polizia di Stato a restare uccisa in servizio, è stata insignita della medaglia d’oro al valor civile con la seguente motivazione: «Preposta al servizio di scorta del giudice Paolo Borsellino, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva a causa della recrudescenza degli attentati contro rappresentanti dell’ordine giudiziario e delle Forze di Polizia, assolveva il proprio compito con grande coraggio e assoluta dedizione al dovere. Barbaramente trucidata in un proditorio agguato di stampo mafioso, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle Istituzioni.»

PROGRAMMA:

– Ore 11 appuntamento in Via Montegrappa, 100-presso la biblioteca comunale, per l’inaugurazione ufficiale alla presenza delle Autorità.

– Presentazione del progetto

– Proiezione di un video sulla storia di Emanuela Loi. Sarà presente una delegazione di due classi dell’Istituto Parini di Podenzano

– Donazione alla biblioteca del libro “Io Emanuela” di Annalisa Strada e di altri testi tematici.

– Alle ore 11.45 circa i relatori si sposteranno presso l’Istituto Parini in via Piave, 24, per incontrare tutti gli studenti. Qui ci sarà la rappresentazione dello spettacolo di Filippo Arcelloni e la proiezione di alcuni video per gli studenti. Infine dibattito aperto.

Evento facebook.com/events/151470902235957

piacenzasera.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

by Carolina Orlandi

La sera del 6 marzo 2013 David Rossi...


LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...


B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca