Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: pm chiede esenzione testimonianza figlia vittima

Rassegna Stampa

Mafia: pm chiede esenzione testimonianza figlia vittima

Palermo. Il racconto in aula del sequestro e dell'uccisione del padre, Giampiero Tocco, rapito e poi strangolato e sciolto nell'acido il 26 ottobre del 2000, potrebbe esserle risparmiato. Il pm della dda di Palermo Roberto Tartaglia ha chiesto alla corte d'assise, che per l'omicidio Tocco processa Vincenzo e Giovanbattista Pipitone, Salvatore Cataldo e Antonino Di Maggio, l'acquisizione dei verbali di deposizione della figlia della vittima che all'epoca dei fatti aveva solo 7 anni. La bambina, ormai 24enne, era in auto quando il padre, ritenuto responsabile dalla mafia dell'omicidio di Peppone Di Maggio, uomo dei boss Lo Piccolo, venne sequestrato da un commando di killer travestiti da poliziotti. La piccola assistette alla scena e avvertì la madre nel corso di una drammatica telefonata. Il suo racconto a cui seguì anche un disegno della scena del rapimento, è stato essenziale per gli investigatori per la ricostruzione del fatto. Per non far rivivere l'episodio alla ragazzina, che si è costituita parte civile, la Procura ha chiesto dunque di acquisire le vecchie deposizioni rese dalla teste in presenza di una psicologa. I legali degli imputati hanno prestato il consenso riservandosi di citarla qualora emergessero circostanze da approfondire. Oltre all'omicidio Tocco, il processo riguarda i delitti Antonino Failla, Francesco Giambanco e Giuseppe Mazzamuto. A raccontare i particolari dei quattro assassinii è stato recentemente il pentito Pipitone. All'udienza di oggi si sono costituti parte civile alcuni familiari delle vittime. L'accusa in giudizio è rappresentata dai pm Roberto Tartaglia e Annamaria Picozzi. 

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa