Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Ass.Georgofili: ''Serve il coraggio di un processo sui ''concorrenti esterni'' delle stragi. Cosi' si avra' verita'''

Rassegna Stampa

Ass.Georgofili: ''Serve il coraggio di un processo sui ''concorrenti esterni'' delle stragi. Cosi' si avra' verita'''

maggiani chelli giovanna 500L'appuntamento dell'arresto del BOSS di "Cosa nostra" colui he ebbe a dire: QUESTI SALTERANNO - e si riferiva al museo degli Uffizi a Firenze - e per Dio ci è andato vicinissimo a farli saltare, optando poi all'ultimo momento per la Torre del Pulci, ci sarà quando la Magistratura troverà il CORAGGIO di andare all'udienza preliminare per i "concorrenti di Cosa nostra" nelle stragi del 1993 con le già consumate carte del Magistrato Gabriele Chelazzi. Fino allora Matteo Messina Denaro continuerà a comprarsi le camice in via Condotti a Roma, ma muniti delle più sfavillanti divise faranno finta di non vederlo! Non ci sono le condizioni per arrestare Matteo Messina Denaro, infatti ciò che il Boss aveva promesso con il tritolo del 1993 è in atto sotto gli occhi di noi tutti, ma tranne pochi, come noi, non lo si vuol vedere. Sta' a Giuseppe Graviano togliersi quel prosciutto che si è messo sugli occhi e cominciare a parlare come un fiume in piena. Sta a Giovanni Brusca parlare una buona volta di stragi 1993, di salotti sui quali si è seduto insieme a Giuseppe Monticciolo e entrambi devono descriverceli in un pubblico dibattimento. Quando decideranno di scarcerare Brusca ci metteremo sdraiati per terra, perchè prima deve guadagnarsi lo "stipendio" che ha prelevato, supportato dalla legge, anche dalle nostre miserabili risorse che abbiamo per curare i malati dal tritolo del 1993 in via dei Georgofili.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa