Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Falcone e Borsellino, murale a Pula per gli ''eroi laici''

Rassegna Stampa

Falcone e Borsellino, murale a Pula per gli ''eroi laici''

falcone borsellino murale pulaLa risposta alla mafia di due giovani street artists
Cagliari. Un murale in memoria dei giudici Falcone e Borsellino, uccisi per mano della mafia negli attentati del 1992. Da oggi si trova su una parete del campo da basket della scuola media dell'istituto comprensivo Benedetto Croce a Pula, località turistica a una quarantina di chilometri da Cagliari, sulla costa sud occidentale. E' stato realizzato da due giovani street artists locali, The Answer e Kofa. Sotto la più nota tra le fotografie dei due magistrati, ridisegnata dai due artisti, compaiono i nomi di tutte le vittime dei due attentati e un cielo stellato sullo sfondo che esprime la voglia e il desiderio di giustizia e libertà. "Non li avete uccisi, le loro idee camminano sulle nostre gambe", ha sottolineato la sindaca Carla Medau all'inaugurazione alla quale hanno partecipato, tra gli altri, la Prefetta e il Questore di Cagliari, Tiziana Giovanna Costantino e Pierluigi d'Angelo, Maria Claudia Loi, sorella di Emanuela, la poliziotta che perse la vita a 24 anni nella strage di via D'Amelio. In collegamento telefonico anche Manfredi Borsellino, figlio di Paolo: "i ragazzi sono i veri protagonisti di questa giornata, confido tantissimo in loro e credo che sapranno valorizzare al massimo il sacrificio che mio padre e Giovanni Falcone hanno voluto compiere", ha detto. Alla cerimonia anche gli studenti delle medie e elementari che hanno voluto leggere i loro pensieri in omaggio ai due "eroi laici", come li ha definiti il magistrato Ettore Angioni. "L'arte al servizio dell'impegno sociale - ha aggiunto la sindaca - è importante mantenere viva la memoria, educare le nuove generazioni ai temi e ai valori della giustizia e della legalità". Anche per questo sono stati proiettai video e lette testimonianze tra cui una lettera di Maria Falcone, sorella di Giovanni. La giornata è culminata con la presentazione di un progetto ideato dall'amministrazione comunale in collaborazione con l'istituto Benedetto Croce, per la reintroduzione delle lezioni di Educazione civica a scuola.

ANSA

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia