Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Mafia: Grasso, su strage Portella non c'e' ancora piena verita'

Rassegna Stampa

Mafia: Grasso, su strage Portella non c'e' ancora piena verita'

Palermo. Dopo 70 anni la completa verità sulla strage di Portella della Ginestra, che provocò 12 morti e 27 feriti, "non è stata ancora raggiunta, specialmente su chi quella strage ha ordinato". Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha partecipato a Palermo a un convegno sull'eccidio compiuto dalla banda di Salvatore Giuliano tra i contadini che partecipavano alla festa del lavoro. Al convegno, organizzato dall'Istituto Gramsci siciliano, partecipano storici e studiosi per la rilettura di una delle pagine più oscure del dopoguerra italiano. "Ricordare - ha detto Grasso - è importante. La mia frequentazione dei fatti di mafia e delle stragi siciliane mi fa dire che non sempre non c'è una causale unica ma causali che si sommano. Difficile per questo avere tutta la verità. Ma l'idea della verità e l'impegno a cercarla ci fanno dormire serenamente". Grasso ha poi ricordato che ci sono direttive della Presidenza del Consiglio sulla rimozione del segreto di Stato e decisioni della Commissione parlamentare antimafia perché tutti gli atti finora raccolti sui fatti di Portella vengano resi pubblici. "L'Antimafia - ha detto - ha deliberato di pubblicare gli atti acquisiti a partire dal 1998. Quelli di prima sono già resi pubblici. Ma ci sono ancora molte zone d'ombra da esplorare". "Bisogna - ha concluso - che chi sa qualcosa metta a disposizione la propria conoscenza. Si deve pensare non solo agli archivi di stato ma anche a quelli dei singoli ministeri. Su questa ricerca ci sono stati proficui contatti con la presidente della Commissione antimafia, Rosy Bindi”. 
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta