Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Hiroshima, 75 anni dopo l'atomica che oscurò il mondo

Hiroshima, 75 anni dopo l'atomica che oscurò il mondo

Ieri su La7 lo speciale Atlantide
di AMDuemila
6 agosto 1945, ore 8.15. E' quello il momento esatto in cui il bombardiere americano Enola Gay sganciò sulla città giapponese di Hiroshima "Little Boy" - così era stato chiamato l'ordigno nucleare -. I morti, si scoprirà, furono decine di migliaia. E il mondo non sarà più lo stesso. Lo spostamento d'aria rase al suolo case ed edifici nel raggio di circa 2 chilometri. Ai gravissimi effetti immediati si aggiunsero, negli anni successivi, gli effetti delle radiazioni, che portarono le vittime a quota 250mila.
Tre giorni dopo, il 9 agosto, fu la volta di "Fat man", la bomba al plutonio lanciata su Nagasaki, che uccise altre 70 mila persone, mettendo fine alla seconda guerra mondiale, grazie alla resa incondizionata del Sol levante, firmata il 15 agosto.
Questa mattina il Giappone, e con esso il mondo intero, ha voluto ricordare la tragedia dovuta al lancio della bomba atomica.
Forse non bastano il rintocco di una campana ed un minuto di silenzio per comprendere realmente cosa è avvenuto in quell'apocalisse, ma fermarsi a riflettere è comunque necessario. Così stamattina, all'interno del parco del memoriale della Pace, al centro della città, sebbene in forma ridotta si è tenuta la 75° commemorazione a cui hanno partecipato i rappresentanti di 80 nazioni che hanno accompagnato il premier nipponico Shinzo Abe. Nel discorso iniziale di commemorazione della tragedia il sindaco di Hiroshima, Matsui Kazumi, ha sollecitato i paesi del mondo a unirsi contro le minacce che affliggono l'umanità, ripudiando ogni forma di nazionalismo estremo. Pur essendo l'unico paese vittima di un attacco atomico, il Giappone - che dipende dagli Stati Uniti per la protezione dei suoi confini, non è tra i firmatari del Trattato di non proliferazione nucleare siglato nel luglio del 2017 da un totale di 122 paesi.
Per ricordare la tragedia, e riflettere, ieri su La7 è andato in onda lo speciale di Atlantide, condotto da Andrea Purgatori. Una puntata che vi proponiamo per riflettere. Perché al tempo sarà finita la guerra, ma le sue conseguenze e le conseguenze di quel "progetto Manhattan" che portò alla bomba, durano ancora oggi.

In foto: il Giappone commemora l'anniversario; il premier Shinzo Abe accompagnato dai rappresentanti di 80 nazioni © Keystone

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa