Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Riforma Csm, Ardita: ''Nuovo sistema renderà più forti le correnti penalizzando gli indipendenti''

Riforma Csm, Ardita: ''Nuovo sistema renderà più forti le correnti penalizzando gli indipendenti''

di AMDuemila
Il Consigliere togato intervistato da Il Fatto Quotidiano

Le iniziative della nuova riforma del Csm? “Alcune importanti, come quelle che prevedono la separazione tra vita politica e attività giudiziaria. Altre utili. Qualcun’altra potrebbe tradire le finalità che si ripropone”. E’ così che interviene il consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, in un’intervista rilasciata a Gianni Barbacetto per il giornale “Il Fatto Quotidiano”, riguardo la nuova proposta di legge che regolamenterebbe l’organo di autogoverno della Magistratura. Secondo il magistrato se si dovessero votare i membri del consiglio in venti piccoli collegi, c’è il rischio “di far sparire i candidati indipendenti e anche una realtà come la nostra che raccoglie il consenso sparso di chi non condivide il sistema delle correnti. Forse il ministro non sa che alcune correnti hanno reti locali che prendono in carico i magistrati dal loro ingresso in magistratura e li accompagnano fino alla pensione. - ha proseguito - Più ristretto è il collegio e più facile è intercettare il voto. Nessun magistrato, se non sostenuto da un gruppo, verrebbe mai eletto. Falcone non fu eletto quando si presentò in un piccolo collegio di Palermo. Oggi non sarebbe al Csm Nino Di Matteo.Una riforma così rafforzerebbe la logica dei gruppi più forti e farebbe sparire le minoranze”.
Per Ardita all’interno del Consiglio superiore della magistratura “non dovrebbero esistere sigle o gruppi, anche se per essere eletti ci si è riconosciuti in un programma comune. E poi occorrerebbe tutelare chi non è sostenuto da alcun gruppo. Con gli eletti di Autonomia e indipendenza e Nino Di Matteoabbiano provato a fare questo, votando spesso in modo difforme tra di noi, proprio in nome della autonomia delle scelte”.
Riguardo alla previsione del doppio turno, con la seconda votazione dopo 24 ore, il consigliere togato ha detto che sarebbe “una disposizione inutile, perché le grosse correnti prevedono già tutto. E sanno in partenza chi andrà al ballottaggio”.
Secondo il consigliere togato, qualora fosse approvato il nuovo disegno di riforma, le correnti “avranno la magistratura nelle mani e non sarà un gran servizio per la giustizia. E poi non dite che non l’avevamo detto...E poi la politica avrebbe invece tutto il tempo per varare una riforma, anche costituzionale, che preveda una forma di sorteggio che preceda l’elezione”.
Proprio sulla proposta del sorteggio si è dibattuto a lungo negli ambienti giudiziari.
“Prima ero scettico, - ha affermato - ma adesso non più. È ciò che auspica la maggioranza dei magistrati italiani e che fa paura a molti esponenti importanti dei gruppi che puntano solo alla propria autoriproduzione. Come ulteriore proposta ci sarebbe la possibilità di prevedere, dopo un rigoroso vaglio di idoneità, la rotazione di alcuni incarichi semidirettivi. Anche questo potrebbe togliere spazio al meccanismo che alimenta il sistema clientelare”.
Per quanto riguarda la proposta per cui i “laici” del Csm non possano essere scelti tra i politici eletti in Parlamento, la stessa non è vista negativamente dal magistrato catanese ("Quando i 'laici' sono espressione dell’Accademia o dell’avvocatura la loro indipendenza è certamente maggiore"). Tuttavia nella riforma vi sarebbero anche altri punti deboli, in particolare laddove si prevedono "poteri più penetranti del Csm rispetto ai capi degli uffici, attraverso gli strumenti di organizzazione (tabelle, criteri di assegnazione, deleghe) con tanto di responsabilità disciplinare dei magistrati che non si adeguano"."Questi strumenti - ha concluso Ardita - se applicati in modo burocratico nelle Procure, rischiano di essere un freno alla competenza e alle iniziative dei singoli magistrati. La magistratura verrebbe ulteriormente gerarchizzata e controllata. Non penso che qualcuno potrà mai più avere l’autonomia che ebbero negli uffici Giovanni Falcone o Paolo Borsellino.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Riforma Csm, Ardita: ''Non sconfiggerà correnti, ma le rafforzerà''

Riforma Csm: ecco le novità previste dalla bozza di Bonafede

I dinosauri del Sinedrio della magistratura non si arrendono

Di Matteo: ''Al Csm possibile dare una spallata al sistema invaso da un cancro''

Le ingiustizie del Consiglio superiore della magistratura

E ora la riforma del Csm

La riforma del Csm

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa