Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Scarcerazioni, il Dap e la circolare del 21 marzo. In Antimafia sentita Borzacchiello

Scarcerazioni, il Dap e la circolare del 21 marzo. In Antimafia sentita Borzacchiello

di Karim El Sadi
La funzionaria: “Ho firmato per dovere d'ufficio. Quella mattina mi chiamò Giulio Romano”

Nei giorni scorsi a palazzo San Macuto si è cercato di fare chiarezza sulla famosa circolare del 21 marzo del Dap che, in sostanza, ha consentito a quasi 400 detenuti, tra i quali boss mafiosi al 41 bis o in alta sicurezza, di chiedere ed ottenere un differimento della pena con detenzione domiciliare per scongiurare il rischio di contagio da Coronavirus in carcere.
A riferire su quanto accaduto quella mattina, in cui venne data la delibera della circolare, in Commissione antimafia è stata audita Assunta “Susy” Borzacchiello, direttore del Cerimoniale e relazioni esterne dell'Ufficio del Capo del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, nonché la funzionaria che per ultima ha messo la firma sul documento.
La Borzacchiello, incalzata dalle domande dei vari componenti della commissione, su tutti l’ex 5Stelle Mario Michele Giarrusso, ha spiegato alla Commissione la dinamica dei fatti di quel 21 marzo. In particolare indicando chi sopra di lei le aveva mandato di mettere la firma sulla circolare urgente. Circolare che, è bene ricordare, ha provocato la confusione tra i vari Tribunali di sorveglianza chiamati a decidere sulle istanze di differimento pena ai domiciliari dei detenuti, perché, tra le altre cose, non distingueva tra detenuti comuni, detenuti in alta sorveglianza e detenuti al 41bis.
“Sabato 21 marzo mi stavo preparando per andare in ufficio. - ha raccontato la Borzacchiello in aula - Mi ha chiamato da casa Giulio Romano, il direttore dell’ufficio detenuti e trattamento, assente per motivi di salute, dicendomi che sapeva che ero di turno, che stava finendo di scrivere un atto e sarei dovuta andare in ufficio e firmare. Sono andata in ufficio. Nel messaggio che mi ha mandato Romano c’era scritto: come da intesa può essere sottoscritto e inviato, c'è l'assenso del Capo Dipartimento. Stiamo parlando dell’ex capo del Dap Francesco Basentini". Eccoli dunque quelli che sarebbero i responsabili: Giulio Romano, che la circolare l’ha redatta e Francesco Basentini, che ne ha dato l’assenso. Entrambi, Romano e Basentini, membri dello staff del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, ed entrambi, travolti dalle polemiche, presentatisi da quest’ultimo per rassegnare le dimissioni. Il primo lo scorso 1° maggio e il secondo lo scorso 23 maggio.

basentini francesco c imagoeconomica 1344186

Francesco Basentini


“Firma per dovere d’ufficio”
Ma i senatori della Commissione Antimafia non ci stanno e hanno chiesto ulteriori chiarimenti alla Borzacchiello. “E’ possibile che lei non abbia letto con attenzione, non abbia richiamato Romano per dire ‘ma siamo sicuri, non è meglio aspettare 24, 36, 48 ore, magari lunedì quando ci saranno tutti i direttori e concertare meglio la questione?”, le ha domandato il presidente Nicola Morra. “Ho firmato per dovere di ufficio come dirigente di turno. Sono tornata anche la domenica per firmare altri atti di diversa natura”, è stata la risposta della direttrice del Cerimoniale e relazioni esterne dell'Ufficio del Capo del Dap. In pratica si è limitata a firmare senza spulciare il contenuto della stessa che, ha sottolineato, Romano le aveva detto di “stare ultimando”. ”Io, di questa questione, non so assolutamente nulla, potevo esserci io o un altro, ho letto il testo, l’ho firmato per dovere di ufficio. Non sono più il direttore dell’ufficio stampa da luglio del 2018, ma solo del cerimoniale e delle relazioni esterne”, ha continuato la Borzacchiello rispondendo alle puntuali domande del senatore Mario Michele Giarrusso il quale ha replicato con altri interrogativi e insidiose osservazioni. "Ha avuto contatti con l’ufficio stampa di Bonafede? Una simile circolare può essere firmata da lei anziché da Romano? Lei ha mai firmato altre circolari simili? Se si, quali? Lei ha svolto tutta la sua carriera nelle carceri, adesso parla di 'nota', come se fosse una letterina, dice che non ne ha mai firmata una simile, ma perché lei non ha posto alcuna domanda?". Domande incalzanti che sono arrivate come macigni anche dagli altri componenti della Commissione.
Dai leghisti Luca Rodolfo Paolini e Gianluca Cantalamessa che hanno chiesto per quale ragione Romano ha inviato la mail e “non ha firmato lui” o se la Borzacchiello avesse “inteso la reale portata di questo documento che non rispettava i crismi di emanazione". Fino ai senatori di Fratelli d’Italia come Wanda Ferro che le hanno domandato come mai "Romano non poteva firmare da casa”. Su questo punto è intervenuto anche il leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso che ha chiesto alla funzionaria perché non ha inviato la circolare a Giulio Romano per farsela firmare ad esempio tramite scanner. “Io ero in smart working e ho la firma digitale, non so se Romano da casa si sia dotato della stessa firma, lui era arrivato da poco al Dipartimento”, è stata la replica della responsabile del cerimoniale del Dap. A questo punto quindi non resta che interrogare sia Francesco Basentini che Giulio Romano per avere chiara la dinamica dei fatti di quel 21 marzo di fuoco.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

L'arroganza del potere

di Giorgio Bongiovanni

Alfonso Bonafede è tra i migliori ministri della Giustizia di sempre?

Ingroia e de Magistris a ''Non è l'Arena'': ''Di Matteo bocciato al Dap per le sue inchieste scomode''

Luciano Traina: ''Nessuna fiducia in questo Stato''

Terremoto Dap: dopo Basentini si dimette anche Giulio Romano, direttore ufficio detenuti

L'offesa all'intelletto
Una (ennesima) vergognosa autodifesa di Bonafede al Senato in mezzo a ricatti bipartisan
di Lorenzo Baldo

Caro Travaglio, sul caso Bonafede non solo fake news
di Giorgio Bongiovanni

Ministro Alfonso Bonafede, prego, andare
di Saverio Lodato

Autonomia e Indipendenza a difesa di Di Matteo
di Aaron Pettinari

Giustizia: si dimette Fulvio Baldi, capo di Gabinetto del ministro Bonafede
di Aaron Pettinari e Karim El Sadi

Ingroia: ''Di Matteo come Falcone e Borsellino''

Carceri, Ingroia: ''Qualche vertice dello Stato ha posto veto su scelta Di Matteo al Dap''

Our Voice: #BonafedeDicaLaVerità

Giorgio Bongiovanni: ''Chi non vuole Di Matteo a lottare contro la mafia?''
L'intervista video del direttore di ANTIMAFIADuemila a ByoBlu

Carceri, l'ex pm Robledo sul caso Di Matteo-Bonafede: ''Legittimo che il ministro cambi idea sul Dap, ma deve spiegarne il motivo''

Ingroia: ''Bonafede non ha ancora spiegato la mancata nomina di Di Matteo al Dap''

Luigi de Magistris: ''Bonafede gravi errori contro Di Matteo''

Francesco Basentini: ecco l'operazione sporca del ministro Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''
di Aaron Pettinari

Giovanni Falcone andò in tutte le TV d'Italia
di Saverio Lodato

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss
di Saverio Lodato

Chi è sospettato deve dimettersi?
di Vincenzo Musacchio

Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo
di Vincenzo Musacchio

Dagli indizi alle prove e viceversa
di Ugo Lombardi

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''
di Giorgio Bongiovanni ed Aaron Pettinari

Nino Di Matteo non è un magistrato omertoso. Chi ha legalizzato l'evasione dei boss?
di Saverio Lodato

La Trattativa Governo-Detenuti: Nino Di Matteo non ci sta
di Saverio Lodato

Quando a perdere siamo tutti noi
di Lorenzo Baldo

''Question time'' per Alfonso Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Una storia vera in un Paese privo di memoria
di Sandra Amurri

Gaspare Mutolo: ''Scarcerazioni boss? Dimostrazione che la trattativa è ancora in corso''

Sonia Alfano: ''Su quello che ha detto Di Matteo ci metto la mano sul fuoco. Bonafede è un paracadutato''

Lumia su Bonafede: ''Con il no a Di Matteo ha fatto involontariamente regalo alla mafia''

Sebastiano Ardita: ''Di Matteo non ha mai fatto riferimento a pressioni mafiose''

Ingroia: ''Io sono esterrefatto su Bonafede, che su Di Matteo dovrebbe chiarire e poi dimettersi''

Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo (Video)

Esclusivo, il Pm Nino Di Matteo: "Fui chiamato a dirigere il Dap, poi il Ministro cambiò idea. I boss non mi volevano" (Video)

Antimafia, Bonafede: ''Boss ai domiciliari sono 256. Nessuna pressione da Napolitano su nomina capo Dap''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa