Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Gratteri: ''I boss mafiosi di oggi sono più pericolosi dei loro padri e nonni''

Gratteri: ''I boss mafiosi di oggi sono più pericolosi dei loro padri e nonni''

di AMDuemila
Intervista del magistrato al programma Circo Massimo di Radio Capital

"I mafiosi sono tendenzialmente paranoici, depressi, persone che hanno bisogno continuamente della conferma dell'io. Ho arrestato gli 'ndranghetisti di nuova generazione ma anche i loro padri e i loro nonni, e quelli di oggi non reggono più lo stress. I nonni e i padri erano molto duri, li condannavo a 20-30 anni e non battevano ciglio, li ho visti stare vent'anni in un buco di due metri quadri sotto tre metri di terra, vivevano come le talpe. Ma i loro figli e nipoti sono più pericolosi: uccidono di meno ma sono più difficili da indagare”. Sono queste le parole del procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, che è stato intervistato questa mattina a Radio Capital all’interno del programma ‘Circo Massimo’. Secondo Gratteri i nuovi boss della ‘Ndrangheta "hanno miliardi di euro nascosti e riescono a corrompere. E oggi è molto più facile corrompere perchè c’è un forte abbassamento della morale e dell'etica, quindi oggi il pubblico amministratore è più propenso a farsi corrompere". Nell’ultimo libro, "La rete degli invisibili" (scritto con Antonio Nicaso, edito da Mondadori), Gratteri ha detto che "ci siamo sforzati di descrivere cos’è la ‘Ndrangheta oggi, studiandola anche dal punto di vista psicologico". Quanto alle parole di Giovanni Falcone, che disse che la mafia prima o poi finirà, il magistrato ha spiegato che "nel rispetto della Costituzione, con un sistema giudiziario proporzionato alla realtà criminale, possiamo abbattere l'80% delle mafie in dieci anni. L'altro 20% è la mentalità mafiosa che c’è in ognuno di noi. Servono istruzione e cultura, ma è un percorso lungo, che richiede vent'anni. C'è una politica oggi in grado di ragionare da qui a vent'anni?".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Nicola Gratteri: ''I nuovi boss della 'Ndrangheta sono incensurati e professionisti''

''La rete degli invisibili'', ecco la 'Ndrangheta nell'era digitale

I boss di 'Ndrangheta: ''Se Gratteri continua così fa la fine di Falcone, è un morto che cammina''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa