Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano TERZOMILLENNIO Guerre I codardi ti hanno abbandonato

I codardi ti hanno abbandonato

di Francisco Medina, fratello di Pablo Medina
Lettera aperta ad Antimafia Dosmil

Ciao amici della Rivista Antimafia Dosmil.
Sono Francisco Medina, fratello di Pablo Medina, giornalista assassinato per mano di sicari al servizio del crimine organizzato del mio Paese.
Ancora una volta voglio esprimere la mia gratitudine a tutti voi per averci accompagnato durante questi cinque lunghi anni peregrinando alla ricerca della tanto anelata giustizia. So che per voi non è facile, perché dovete allontanarvi dalla vostra casa per giorni, a volte settimane, per essere presenti al nostro fianco nei momenti in cui più abbiamo bisogno delle persone. Sentiamo il vostro immenso affetto e questo ci dà la forza interiore e spirituale per andare avanti con coraggio, ma soprattutto di non perdere mai la fiducia di arrivare alla verità e di conseguenza alla giustizia.
Posso dire con certezza che l’appoggio di ognuno di voi ha grande valore. È un supporto straordinario. Dico e sostengo che senza di voi non si sarebbe arrivati tanto lontano, perché per la prima volta in Paraguay è stato condannato il mandante dell’omicidio di un giornalista con una condanna a 29 anni, più dieci anni di misure di sicurezza, quasi la pena massima contemplata dalla C.P.P vigente in Paraguay (la pena massima è di 30 anni). Purtroppo per gli altri sfortunati giornalisti non è successo lo stesso, compresi gli altri miei due fratelli.
Quello che più ci è dispiaciuto in tutto questo tempo è la tiepida vicinanza, per non dire assenza o quasi, del direttore stesso di ABC Color, sapendo che lì Pablo lavorò per oltre 16 anni, impegnandosi con tutta la sua saggezza ed esperienza; soprattutto con molto coraggio, senza conoscere mai la paura, fino ad offrire la propria vita.

Grande Pablo!
Solo i codardi ti hanno lasciato solo in vita, privandoti anche della scorta. Un’azione che ha visto tanti complici: la Polizia Nazionale, i giudici ed anche il direttore di ABC Color. Ti hanno abbandonato al tuo destino. Dopo la tua ingiusta morte ci aspettavamo la vicinanza di tutti i colleghi di ABC Color e di altri mezzi giornalistici che però non abbiamo mai sentito appieno: come ad esempio nel sentito ricordo dell’incontro nella Plaza de las Indias, il 18 novembre, un mese dopo la tua morte.
Erano presenti noti giornalisti di molti Paesi fratelli reclamando giustizia e noi volevamo vedere i colori gialli sparsi in tutta la Piazza che identificano i giornalisti di ABC Color. Ma ciò non è avvenuto, è rimasto solo un sogno; perché non c’era nessuno dei tuoi colleghi, né di altri mezzi stampa. Anche in altre occasioni hanno dimostrato indifferenza; specialmente quando abbiamo rivendicato giustizia nella città di Curuguaty, dove hai formato la tua famiglia e dove avevi la tua redazione. Lì, ancora una volta, i colleghi si sono contraddistinti per la loro assenza così come in varie altre occasioni, come quando abbiamo chiesto giustizia nella Sala Bicamerale del Congresso della nazione paraguaiana. Non sono mai stati presenti.
Tutto ciò ci fa pensare, non supporre, ma affermare che la stampa libera non esiste in Paraguay; che la libertà di espressione è ancora una questione in sospeso e ad oggi un'utopia. Perché affermo questo? Per una semplice ragione! Perché tutti i mezzi di comunicazione sono in mano a potenti uomini d'affari: Natalia Zucolillo (Diario ABC Color, Radio ABC Cardinal 730 AM, ABC TV cable); Antonio J. Vierci (Canal 4 Telefuturo, Diario Última Ora, Radio Monumental 1080 AM, Canal 11 La Tele, Centro Informativo Multimedios, Canal 2 Red Guaranì, Canal Noticias PY (cable), Diario Extra, www.paraguay.com, Radio Urbana 106.9 FM, Radio Estación 40 91.1 FM, Radio Virtual FM,: Horacio Cartes (Diario La Nación, Radio 970 AM, Diario Popular, Diario Crónica, www.hoy.com.py, Radio Montecarlo 100.9 FM).

ARTICOLI CORRELATI

I potenti del Paraguay tremano: "Se non rispondono sono colpevoli"

Ecco i nomi dei mandanti esterni dell'assassinio del nostro amico Pablo Medina

Pablo Medina, morte di un giusto (Dossier/Documentario)

ANTIMAFIADuemila e Our Voice in Paraguay

Una ragnatela di politici indiziati nell'assassinio di Pablo Medina

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa