Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Fine pena mai: solo per i familiari delle vittime di uno Stato-Mafia

Fine pena mai: solo per i familiari delle vittime di uno Stato-Mafia

di Lorenzo Baldo
Giovanna e Augusta non ci sono più. E nemmeno Agnese e Rita. Ed è meglio così. E’ una consolazione paradossale, ma serve ad andare avanti. A donne indomite come Giovanna Maggiani Chelli, Augusta Schiera Agostino, Agnese Borsellino e Rita Borsellino è stato risparmiato lo scempio di questi ultimi giorni: la pronuncia della CEDU sulla riforma della legge inerente l’ergastolo ostativo, così come la relativa decisione della Consulta. “Hanno ucciso di nuovo mio figlio Claudio Domino - ha scritto su facebook Graziella Accetta - un bambino che è stato sacrificato sull'altare dello stato, di quello stato che 33 anni fa non sapeva come condannare 475 delinquenti e che con quel "NOI" di Giovanni Bontate ci fu l'ammissione dell'esistenza dell'organizzazione mafiosa, Claudio sacrificato da quella parte di stato che oggi premia gli assassini”. A Graziella e a suo marito Antonio non sono state risparmiate la rabbia, il dolore e l’amarezza per aver appreso le vergognose decisioni di istituzioni nazionali e internazionali teoricamente preposte alla tutela della giustizia dei cittadini. Sul sito gliinvisibili.it, dedicato a 108 bambini, vittime innocenti della mafia, compare una scritta: “Non c‘è un posto sbagliato, non c‘è un momento sbagliato per una vittima innocente. Al posto sbagliato, al momento sbagliato ci sono sempre gli assassini, i mafiosi, i criminali”. Probabilmente andrebbe aggiunto che al posto sbagliato ci sono anche quelle figure istituzionali che attraverso decisioni gravissime si fanno carico del dolore di tutti i familiari delle vittime di mafia che - loro sì - sono condannati al “fine pena mai”. O forse, invece, chi da una sede istituzionale prende simili decisioni è “al posto giusto”, messo lì per continuare a mantenere fede ad accordi preesistenti. Quel maledetto “do-ut-des” tra mafia e Stato che di fronte a determinati scenari appare più concreto e attuale che mai.
“Se guardiamo con attenzione - si legge ancora sul sito gliinvisibili.it -, se parliamo di loro, delle vittime, se imprimiamo nella memoria i luoghi dove sono vissuti e dove hanno perso la vita possiamo rendere immortali persone che, con il loro sacrificio, hanno dato dignità al nostro paese e creare le condizioni per cui la loro morte non sia stata vana”. Un’impresa titanica. Perché in un Paese sottosopra come il nostro, il compito di renderli “immortali”, evitando che la loro morte sia stata vana, resta delegato ai loro familiari e a coloro che sentono la lotta alla mafia come causa di vita: una vera e propria minoranza di fronte alla palude politico-istituzionale e all’ignavia di tanti altri. “L'ergastolo ostativo ce lo portiamo noi addosso. Noi familiari di vittime innocenti”, ha ricordato qualche giorno fa Rosaria Costa, vedova dell’agente di scorta Vito Schifani. L’immagine di Rosaria ci riporta al 1992, durante i funerali di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli uomini di scorta, si era rivolta ai mafiosi dall’altare: “Vi perdono, ma dovete mettervi in ginocchio”. All’epoca questa giovane donna, rimasta vedova a 22 anni con un figlio di soli 4 mesi, non sapeva fino a che punto il braccio di Cosa Nostra era stato armato dallo Stato, in quella strage, e in quelle che da lì a poco sarebbero avvenute. Oggi però ci sono sentenze, come quella sulla trattativa Stato-mafia, che sanciscono nero su bianco l’esistenza di questo patto criminale.
“Dobbiamo evitare che si concretizzi uno degli obiettivi principali che la mafia stragista intendeva raggiungere con gli attentati degli anni '92-'94 - ha evidenziato dal canto suo il consigliere del Csm Nino Di Matteo -. Spero che la politica sappia prontamente reagire e, sulla scia delle indicazioni della Corte costituzionale, approvi le modifiche normative necessarie ad evitare che le porte del carcere si aprano indiscriminatamente ai mafiosi e ai terroristi condannati all'ergastolo”. E se la precisa e sacrosanta indicazione di Nino Di Matteo ha sollevato sterili polemiche politiche, avallate da un Tg come quello di La7, o da giornali come “Il Foglio”, è la dimostrazione plastica che si è andati a colpire un nervo scoperto. Quello di chi intende mantenere uno status quo di convivenza tra mafia e Stato, nel totale disprezzo del dolore dei familiari delle vittime di mafia. Non resta quindi che continuare a schierarci al fianco di chi ha già pagato un prezzo altissimo e che ora pretende una giustizia giusta. Nessuna forma di tortura - fisica o psicologica - può essere ammessa nei confronti anche dei peggiori assassini. Ma se di un loro possibile ravvedimento si parla, l’unica via dei boss irriducibili per accedere a benefici o a sconti di pena è quella della collaborazione con la giustizia. Che sia totale e definitiva, con l’ammissione dei propri reati, la rivelazione dei nomi e cognomi dei mandanti esterni delle stragi e di tutti coloro che dalla politica o dalle istituzioni hanno sostenuto Cosa Nostra. Solo così sarà possibile non rendere vana la morte di tutte le vittime. Che non possono più rimanere schiave di un sistema criminale, celato dentro i palazzi del potere, che imprigiona la loro memoria e la loro dignità calpestando il loro diritto alla giustizia e alla verità. “Vorrei dormire - scriveva molti anni fa la poetessa e attivista statunitense Frances Harper - dove nessun tronfio potere possa derubare l'uomo del suo più sacro diritto; il mio sonno sarà calmo in una tomba dove nessuno chiamerà schiavo il suo fratello. Non chiedo un monumento alto e maestoso che arresti lo sguardo dei passanti, tutto quello che il mio spirito ardentemente implora è non seppellitemi in una terra di schiavi”. Lo stesso desiderio di Giovanna, Augusta, Agnese, Rita e di tutti i martiri caduti in questa guerra.

Foto © Johann Heinrich Füssli/L'incubo

ARTICOLI CORRELATI

Ergastolo ostativo, Gratteri: ''Italia ha scarso peso in Europa''

La Corte Europea dei diritti della mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

by Silvia Camerino

"La promessa di essere umana e sognatrice, così...


IL SISTEMA MONTANTE

IL SISTEMA MONTANTE

by Salvatore Petrotto

Anno 2007, la mafia cambia pelle, indossa la...

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...


ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...

SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa