Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Gaspare Mutolo alle donne dei boss: ''Consigliate ai vostri uomini di interrompere la strada dell’illegalità''

Gaspare Mutolo alle donne dei boss: ''Consigliate ai vostri uomini di interrompere la strada dell’illegalità''

di AMDuemila
Il pittore e collaboratore di giustizia si racconta a La Sicilia

Consigliate ai vostri uomini di interrompere la strada del crimine e dell'illegalità”. E’ un accorato appello quello che Gaspare Mutolo, ex uomo di Cosa nostra, per un periodo autista del Capo dei capi e oggi collaboratore di giustizia, ha rivolto in un’intervista al quotidiano La Sicilia alle madri, mogli e sorelle dei boss.
Secondo Mutolo “le donne possono fare molto in questo senso, specialmente quelle siciliane”. La sua donna, Maria Santina, Mutolo l’ha persa nell’estate di tre anni fa. “Marò (così la chiamava, ndr) è stata come una guida - ha detto fra le lacrime il pentito - abbiamo passato 51 anni assieme. Santa donna per me ha rinunciato a tutto e ne ha passate di tutti i colori”. Ma la scintilla del ravvedimento umano e spirituale l’ex boss l’ha avuta solo qualche anno fa quando “pian piano a piccoli passi mi sono avvicinato a nostro Dio Signore. In questo percorso - ha continuato - mi ha aiutato Giorgio Bongiovanni che da anni spende energie per la legalità, per la fede, per lottare il male e per distruggere le mafie”. Una realtà in cui il pentito e la sua amata moglie hanno ritrovato loro stessi. “Quando ci trovavamo nella comunità di Bongiovanni mia moglie sembrava come rinata. Sembrava un’altra persona”, ha rammentato. Nel corso dell’intervista Mutolo ha poi lasciato che i ricordi riaffiorassero raccontando un po’ di sè grazie alle domande del giornalista Leone Zingales. “Io a casa non facevo mancare mai nulla. Però si viveva con la preoccupazione dell’arresto. Il carcere stronca i legami famigliari. Per molto tempo, in diversi periodi, sono mancato dalla famiglia. Ed erano coltellate al cuore le parole di mia figlia che - ha rammentato - all’ennesima bambola regalata mi diceva ‘papà, basta, io voglio che tu stia con me con più frequenza’”. Parole che lo hanno fatto riflettere “al tempo che ho perso quando mi allontanavo da casa senza vedere i miei figli”. Ma come ci è finito Mutolo nell’abbraccio letale di Cosa nostra? “Gradino dopo gradino - ha spiegato - come se fosse una scalata. Ero giovane e non mi rendevo conto di quello che facevo. Una volta, tra la fine degli anni ’50 e ’60, ho assistito ad una riunione tra mafiosi nel retrobottega di una officina di via Montesano, nel centro storico di Palermo. Non ci vedevo nulla di male. Per me quelle frequentazioni erano cosa ordinaria. Oggi riconosco di aver sbagliato, di essere stato abbagliato da un falso mito”. Il pentito ha poi chiesto nuovamente “perdono dal profondo del mio cuore” ai parenti delle vittime. “Chiedo alla società - ha aggiunto - di comprendere le mie scelte. Io sono cresciuto in un ambiente dove la criminalità, la delinquenza era una cosa normale. Il salto di qualità, se così lo possiamo definire, era l’ingresso nella mafia. Ma poi mi sono reso conto di aver preso una strada sbagliata, la strada del male. E mi sono pentito di tante scelte. Chiedo alla società di perdonarmi”. A quel pentimento ha contribuito tra le altre cose, anche l’avvicinamento al mondo dell’arte, nato mentre si trovava in cella nel carcere di Sollicciano. “C’era un detenuto, il calabrese Francesco Mungo detto l’Aragonese, che dipingeva davvero bene. Poco dopo ho preso il pennello e la tela. Iniziai a dipingere anch’io”. Oggi infatti Gaspare Mutolo prima di essere un collaboratore di giustizia, uno dei più importanti in Italia, è soprattutto un pittore, un uomo libero rinato grazie alla sua arte. Mutolo ha voluto infine rivolgere un messaggio alle nuove generazioni. “Seguite le regole, rispettate la legge. Le istituzioni vanno rispettate e non bisogna deragliare. Io ringrazio le istituzioni - ha concluso - che dopo la scelta di collaborare con la giustizia, mi hanno aiutato ad intraprendere un nuovo percorso di vita”.

Visita: gasparemutoloarte.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa