Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Processo Montante: per i giudici ''motore immobile'' di una ''mafia trasparente''

Processo Montante: per i giudici ''motore immobile'' di una ''mafia trasparente''

di AMDuemila
Gestione occulta del potere con insegna Antimafia
Depositate le motivazioni della sentenza del processo celebratosi con rito abbreviato

E’ “desolante” il quadro che emerge dal sistema di dossieraggio messo in piedi da Antonello Montante, l'ex presidente di Confindustria Sicilia. Il gup di Caltanissetta Graziella Luparello ha depositato stamani le motivazioni della sentenza di condanna a 14 anni di carcere per il “paladino dell’antimafia”, riportate dal sito di Repubblica Palermo. Per i giudici "Montante è stato il motore immobile di un meccanismo perverso di conquista e gestione occulta del potere che, sotto le insegne di un'antimafia iconografica, ha sostanzialmente occupato, mediante la corruzione sistematica e le raffinate operazioni di dossieraggio, molte istituzioni regionali e nazionali”. Un “ricattatore seriale” lo descrivono i giudici. Montante, si legge ancora, aveva dato vita "a un fenomeno che può definirsi plasticamente non già quale mafia bianca, ma mafia trasparente, apparentemente priva di consistenza tattile e visiva e perciò in grado di infiltrarsi eludendo la resistenza delle misure comuni”. In questo sistema l’ex numero uno di Sicindustria aveva compiti ben precisi di “direzione, promozione e organizzazione" di un sodalizio di cui hanno fatto parte ufficiali di polizia, dell'Arma dei carabinieri e della Guardia di Finanza: "Non può non esprimersi - sottolinea il gup - un giudizio assai severo sul particolare allarme sociale provocato dal sodalizio, e ciò in ragione della finalità delittuosa ad ampio spettro perseguitata: eliminare il dissenso con il ricorso all'uso obliquo dei poteri accettativi e repressivi statuali, sabotare le indagini che riguardavano gli associati; praticare la raccolta abusiva di dati personali riservati, corrompere in maniera sistematica i pubblici ufficiali".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Processo Montante, commercialista teste in aula: ''Davo fastidio con consulenze e subii ispezioni''

Caso Montante: Messana e Tornatore raccontano pressioni e condizionamenti del sistema

Montante condannato per corruzione a 14 anni di carcere

Sistema Montante. Il pentito Riggio: ''Mi informò delle indagini su mio cugino Barbieri''

L'inganno è peggiore del tradimento

Report, il caso Montante e la Trattativa Stato-Mafia

Montante, la maschera dell'Antimafia

Il sistema Montante e quella ''rete'' che arriva fino Roma

Caso Montante, cresce il numero degli indagati

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa