Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Primo Piano Aleida Guevara: ''I giovani sono il divino tesoro''

Aleida Guevara: ''I giovani sono il divino tesoro''

Our Voice incontra la figlia del Che
di Daiana Carracedo e Nicolás Pereiro - Video

Un pomeriggio da noi molto atteso perché avremmo incontrato di persona la figlia del Che. Essendo giovani, non abbiamo vissuto l'epoca di suo padre. Ma sì abbiamo nella nostra memoria, ed anche nei nostri cuori, la rivoluzione che il Che portò avanti. Ed oggi è lui ad ispirarci, trasformando quei proiettili in arte. Custodendo dentro di noi il suo lascito: il sentimento di rivoluzione, ma oggi senza violenza.
Solamente un popolo colto può essere davvero libero”. Con la frase di José Martí, apostolo della rivoluzione cubana, come lei lo definisce e a cui il Che spesso si ispirava, ha avuto inizio l’incontro.
La dottoressa Aleida lavora da anni in un progetto chiamato “Yo sì puedo” (Io si posso), per alfabetizzare i nostri popoli. Non solo le lingue della colonizzazione, spagnolo, inglese, portoghese, francese. Ma anche le lingue autoctone della regione.
"L'obiettivo era portare una luce di verità alla gente” ci dice la dottoressa. “Ma nel processo ci siamo resi conto che c'erano persone che non andavano a studiare o rifiutavano la questione e non ne conoscevamo il motivo. Perché normalmente l'essere umano desidera sapere. Investigando ci siamo resi conto che molte di queste persone non venivano semplicemente perché non vedevano. La maggior parte sono realmente molto umili. Per credo religioso ritenevano che la loro infermita´ era dovuta ad una punizione divina o che comunque quello era il loro destino. Non potevano immaginare che il problema si poteva risolvere con una semplice operazione. Ed è lì che ha avuto inizio il progetto "Operazione miracolo" per intervenire chirurgicamente su chiunque lo avesse voluto. In forma gratuita ovviamente. Il collegio dei Medici latinoamericani reagirono al riguardo. A volte sono molto reazionari. Sono una élite. Loro hanno sempre paura che noi possiamo togliere loro i clienti. Non si rendono conto che noi non abbiamo clienti, abbiamo pazienti. E questa è una notevole differenza”.

our voice aleida guevara 610
Aleida ci ha raccontato anche che a Cuba esisteva già la scuola latinoamericana di medicina, dove oltre 1000 medici argentini si sono laureati. Ma quando arrivavano qui, avevano molti problemi con il titolo. Quindi bisognava riscattare anche questi ragazzi "Perché voi sapete che la società capitalista ti consuma. Quando tu arrivi con tutti i tuoi sogni e la voglia di fare del bene, la vita ti pone ostacoli ed in qualche modo a volte vince su di te. Così abbiamo creato le brigate "Che Guevara" per raggiungere quelle zone del paese di più difficile accesso verso i meno protetti”.
Diceva sempre il Che che non conosci mai davvero un popolo fin quando non ci lavori vicino. Per tale ragione ci sembrano molto importanti le missioni umanitarie che porta avanti insieme alla fondazione "Un mundo mejor es posible” (Un mondo migliore è possibile), nella provincia di Cordoba.
Aleida ci ha raccontato aneddoti sottolineando l'importanza di ascoltare e rispettare le lotte dei popoli originari. Per loro non esistono le frontiere, esistono solo nella nostra mente. Ed attualmente sono loro i più grandi difensori della nostra Madre Terra.
L’America latina è un popolo che sa di resistenza, di lotta. Ma ha anche un problema: Ci dividiamo molto velocemente. Quelli che diciamo essere di sinistra molte volte dimentichiamo il perché e per chi lavoriamo. Quando la gente non ci identifica, non esistiamo”, ha proseguito la donna.
"È bello vedere come un uomo è capace di lasciarsi dietro un'immensa città come Buenos Aires e andare su un'isoletta dei Caraibi a lottare per un ideale. A volte la gente non riesce a capire la grandezza di quell'essere umano" ci dice la figlia del Comandante Che Guevara parlando di suo padre.

Tratto da: ourvoice.it

Foto © Our Voice

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa