Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Di Matteo su Capaci: ''Possibile partecipazione esecutiva di soggetti esterni alla mafia''

Di Matteo su Capaci: ''Possibile partecipazione esecutiva di soggetti esterni alla mafia''

dimatteo vitale tg 2di Davide de Bari - Video
Intervista al Tg2 del sostituto procuratore nazionale antimafia

"Emerge una probabilità che, insieme ai uomini di Cosa nostra abbiano avuto un ruolo nella strage (di Capaci, ndr), non solo a livello ideativo e realizzativo, ma probabilmente anche esecutivo, dei soggetti estranei alla mafia". E' quanto afferma il sostituto procuratore nazionale antimafia, Nino Di Matteo, rispondendo alle domande riguardo la strage di Capaci in un'intervista al giornalista del Tg2 Francesco Vitale. Secondo il magistrato "Cosa nostra non avrebbe mai fatto quell'attentato così tecnicamente difficile e soprattutto nel '92". "Questo lascia pensare che gli uomini di mafia abbiano potuto avere un aiuto - ha continuato - anche di natura tecnica per portare a termine una strage che, purtroppo ai loro occhi, è riuscita perfettamente". Di Matteo ha anche parlato del progetto di attentato che si doveva svolgere a Roma nel '91, ma poi gli uomini di Cosa nostra furono richiamati: "Dobbiamo sempre chiederci perché tutto era pronto a Roma, visto che era più facile ucciderlo con un colpo di pistola in quanto girava spesso senza scorta. Perchè Riina revocò l'ordine di uccidere Falcone e si passò alla fase esecutiva e organizzativa di un attentato tecnicamente difficile? - ha proseguito - Che poi doveva essere realizzato con quelle modalità proprio per gettare nel panico il paese e creare le condizioni di un ricatto e quindi la trattativa con parti delle istituzioni". Per il pm c'è ancora molto da "approfondire come ad esempio un soggetto come Pietro Rampulla che ha fornito il telecomando, ma oltre che essere un mafioso aveva avuto dei collegamenti con ambienti esterni, anche legati a gruppi eversivi". Secondo Di Matteo "Riina custodiva dei segreti talmente forti che non potevano essere confidati neppure agli uomini di Cosa nostra più vicini" e sicuramente "erano dei contatti che rafforzarono le sue idee stragiste". E poi ha concluso: "Sbaglia chi dice che noi non sappiamo niente sulle stragi, in realtà sappiamo tanto".

Guarda il video dal minuto 21.40: Clicca qui!

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo: strage di Capaci probabilmente eterodiretta da entità esterne alla Mafia

''Messina Denaro latitante grazie ai segreti sulle stragi''

Atlantide racconta ''Capaci: le verità nascoste''


Saverio Lodato: Giovanni Falcone mi chiamò per raccontarmi delle Menti Raffinatissime

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa