Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Nino Di Matteo: ''La giustizia è un dovere, non una scelta di opportunità''

Nino Di Matteo: ''La giustizia è un dovere, non una scelta di opportunità''

di AMDuemila
Il sostituto procuratore nazionale antimafia è intervenuto a Napoli nel convegno di Autonomia e Indipendenza

Rapporti tra politica e magistratura. E’ stato questo il tema trattato ieri a Napoli nel convegno di Autonomia e Indipendenza moderato dal sostituto procuratore napoletano Sergio Amato, dove sono intervenuti membri del CSM come Sebastiano Ardita e Piercamillo Davigo insieme ad alcuni magistrati tra cui il sostituto procuratore nazionale antimafia, Nino Di Matteo. Al centro del dibattito le “questioni irrisolte” tra i due rami del potere italiano. Su questo Di Matteo ha sottolineato che “fa paura l’idea che l’opportunità ‘politica’ di una scelta giudiziaria possa prevalere sulla doverosità, è il rischio che la magistratura sta correndo in questi anni”. Il pm antimafia si riferiva al suo processo sulla Trattativa Stato-Mafia, in particolare quando si decise di chiamare a deporre l’allora Capo dello Stato, Giorgio Napolitano: “Quanti colleghi mi dicevano che era doveroso chiederne la testimonianza, conforme alla legge, però non era opportuno...”. Secondo il magistrato palermitano non esiste un conflitto tra politica e magistratura “ma un attacco unilaterale di una parte consistente della politica contro una parte consistente della magistratura che si ostina a pensare che il controllo di legalità debba essere esercitato a 360 gradi”.
Durante il convegno è anche intervenuto il consigliere del CSM Piercamillo Davigo che ha ricordato la sua contrarietà all’ingresso dei giudici in politica: “Non ne sono capaci. Ed è un passo avanti che in questo Parlamento ci siano solo due ex magistrati”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo: ''Per la magistratura non è più prioritaria la lotta alla mafia''

La vera storia del giudice Di Matteo

Il patto sporco

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa