Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Scorta ad Ingroia: quando lo Stato lascia soli i suoi servi migliori

Scorta ad Ingroia: quando lo Stato lascia soli i suoi servi migliori

ingroia antonio cam deputati c imagoeconomicadi Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari
Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso dell'ex pm contro la revoca

La notizia si sintetizza in poche righe. Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso dell'ex pm Antonio Ingroia affinché fosse sospeso il provvedimento con il quale gli era stata revocata la misura di sicurezza personale e, in particolare, della misura di 4° livello in quanto, allo stato attuale, i giudici non ravvisano i presupposti per il ripristino immediato. Fermo restando che tra qualche mese lo stesso tribunale amministrativo potrebbe cambiare idea, in quanto nel ricorso viene richiesta anche la valutazione di merito che ancora non è stata effettuata, e che lo stesso Ingroia ha già anticipato che entro 60 giorni farà appello al Consiglio di Stato, non si può fare a meno di notare l'assoluta incoerenza di uno Stato che anziché difendere i suoi servi migliori li isola ed espone alla vendetta criminale della Mafia-Stato che essi hanno combattuto. E' un fatto noto che "la mafia non dimentica" e in questi mesi il silenzio delle istituzioni, nonostante le lettere al Viminale scritte dallo stesso Ingroia, o la petizione dei cittadini (giunta ad oltre 5000 firme), è un silenzio "colpevole" ed inconcepibile.
Un silenzio trasversale tenuto conto che l'assurda revoca della tutela porta la firma del precedente ministro dell'Interno, Minniti, fino ad arrivare a Matteo Salvini, che ha confermato, di fatto, la decisione.
Basta leggere i fatti e mettere in fila le minacce più recenti nei confronti del magistrato. Il capo dei capi Totò Riina, deceduto nel dicembre 2017, lo definiva come "Il Re dei cornuti" mentre il collaboratore di giustizia, Carmelo D'Amico, ha raccontato che tra gli obiettivi di Cosa nostra vi era quello di colpire il dottor Di Matteo ed anche Antonio Ingroia. Nel 2009 il boss mafioso Domenico Raccuglia, allora latitante, vicino a Matteo Messina Denaro, venne arrestato nei pressi della casa di campagna dell'ex pm mentre stava preparando un attentato nei suoi confronti. E nel 2011, mentre era ancora in corso l'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, un collaboratore di giustizia calabrese, Marco Marino, disse che Cosa nostra e ’Ndrangheta stavano preparando un attentato con venti chili di esplosivo. Non si può non considerare, inoltre, che oggi Ingroia, da avvocato, difende collaboratori di giustizia ed anche familiari di vittime di mafia, tra cui quelli dei carabinieri Fava e Garofalo, uccisi nel 1994 a Scilla, oggi parte civili al processo 'Ndrangheta stragista. Lo scorso novembre soggetti ignoti, professionisti che di fatto non hanno lasciato alcuna impronta, si sono introdotti nell'abitazione di Ingroia ed hanno sottratto alcune pen drive al cui interno vi erano atti processuali del periodo in cui era magistrato e di quelli attuali da avvocato; ma anche appunti e considerazioni personali su inchieste delicate. Basta questo fatto per rendere evidente l'urgenza della revoca del decreto e ripristinare la tutela.
Lascia ancora più sconcertati l'incredibile incoerenza dello stesso Tar del Lazio che, per una situazione sostanzialmente analoga, ha scelto di ripristinare con urgenza la scorta a Sergio De Caprio, anche noto come "Ultimo", e non all'ex magistrato.
Le mafie ed i Sistemi criminali non attendono altro che un segnale per poter colpire e portare a termine le proprie vendette.
Basta ricordare le parole di collaboratori di giustizia come Antonino Giuffrè. Per quanto riguarda gli omicidi eccellenti, contro politici, magistrati e soggetti delle istituzioni, deliberati da Cosa nostra alla fine del 1991 "vi era un lavoro di isolamento nelle vittime disegnate e vi era un lavoro di delegittimazione. Quando si pensava che il discorso era maturo, ad esempio su Falcone e Borsellino, si agiva". Quasi ventisette anni dopo quelle stragi l'isolamento e la delegittimazione viene messa in atto nella maniera più subdola.
E ancora una volta a rischiare è chi ha servito lo Stato con rispetto ed onore.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa