Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano La faccia sporca dello Stato che vogliono fare scomparire

La faccia sporca dello Stato che vogliono fare scomparire

vitale francesco ppdi Francesco Vitale
Il Patto Sporco non è solo un libro. No, è qualcosa di più. È un monito per la nostra memoria e per quella, si spera, delle nuove generazioni. È un monito perché mostra all’Italia e agli italiani la faccia sporca dello Stato che nessuno ha voglia di raccontare. Dal giorno in cui il presidente Alfredo Montalto ha pronunciato il verdetto della corte d’assise la faccia sporca dello Stato è scomparsa non tanto dalle cronache dei giornali e delle televisioni quanto dalla coscienza collettiva. Di quel processo volutamente e precocemente messo nel dimenticatoio nessuno sa nulla. Si, lo conoscono gli addetti ai lavori, i giuristi, gli avvocati, i politici e le centrali di intelligence. Ma per il resto su quella sentenza che sancisce come, nel periodo delle stragi mafioso-terroristiche, pezzi delle istituzioni a più alti livelli trattarono con i corleonesi di Salvatore Riina, è calato il silenzio di tomba. E la ferita più sanguinante per un palermitano è dover prendere atto che questo disinteresse ha riguardato in primis la stragrande maggioranza degli abitanti della nostra città.
Palermo ha avuto nei confronti del processo Trattativa lo stesso atteggiamento assunto durante lo svolgimento del maxi processo. E, allora come oggi, assordante suona il silenzio dei cosiddetti intellettuali: degli scrittori, degli editori, dei politici vecchi (si capisce perché) ma anche nuovi o nuovissimi. Silenti sono rimasti gli universitari, i professori dei licei e le loro scolaresche. Silente è rimasta la Chiesa.
il patto sporco integraleMa quella sentenza di condanna, di pesante condanna, è invece un vero e proprio macigno sulla democrazia e sulle nostre coscienze. E a nulla servirà nasconderla, sottacerla, annacquarla con acrobazie giuridico lessicali. Esiste. E dice che un gruppo di alti ufficiali dei carabinieri, il fondatore di forza Italia e braccio destro dell’allora presidente del consiglio, in combutta con i capi mafia portarono la minaccia di Cosa nostra fin dentro i palazzi delle Istituzioni, nel cuore dello Stato repubblicano. E il bello sapete qual è? Che di quella trattativa, avviata per il tramite di Vito Ciancimino, era al corrente un sacco di gente che però quando è stata chiamata a rendere testimonianza non ricordava più nulla. O quasi nulla. E quello degli smemorati del Palazzo è uno dei passaggi più avvincenti ma anche più tristi del volume di Di Matteo e Lodato. Triste perché molte di queste persone sono vive e vegete ma si ostinano a non voler raccontare fino in fondo quella infame stagione golpista del biennio '92-'94.
Un altro capitolo che viene trattato senza reticenze è quello che riguarda la cosiddetta grande stampa. Fiumi di inchiostro al curaro durante il dibattimento, delegittimazione continua e sistematica di Di Matteo e dei suoi colleghi, ironia da taverna su un processo costato chissà quanto e destinato a sgonfiarsi come una bolla di sapone. Il tutto senza aver seguito una solo udienza; aver letto, o letto malissimo, una qualche carta.
E poi tutto il tourbillon di importanti e autorevoli giornalisti e politici, novelli Chevalley (di gattopardiana memoria), ambasciatori di una linea più morbida da parte della Procura di Palermo nei confronti del Quirinale e del suo primo inquilino Giorgio Napolitano. Con la sentenza del presidente Montalto tante maschere sono cadute dal palcoscenico. Ma non escludono il ritorno.
Basterà un piccolo sconto di pena nel processo d’appello e il teatrino degli struzzi riaccenderà le luci. Ma Saverio e Nino hanno fissato, cristallizzato, un fatto storico. Lo hanno reso immortale. E non basterà a lorsignori mettere la testa sotto la sabbia.
Buona lettura.

ARTICOLI CORRELATI

I miei figli hanno sempre vissuto con il padre sotto scorta

di Armando Sorrentino

''Il Patto Sporco'' e la ricerca della verità sulle stragi
di Aaron Pettinari

''Il Patto Sporco'', il racconto proibito dell'Italia di oggi
di Silvia Resta

Il processo Trattativa e quel senso di ''omertà di Stato''
A Milano presentato "Il Patto Sporco", il libro di Di Matteo e Lodato

Trattativa Stato-Mafia: la lettera di minaccia al Papa prima delle bombe del 1993
di Maria Antonietta Calabrò

''Il Patto Sporco'' al Tg2
Il servizio di Lorenzo Santorelli

Di Matteo: ''In questo Paese una voglia insana di archiviare per sempre verità su stragi e trattativa''

La Trattativa Stato-mafia, intreccio mortale tra poteri forti, occulti e criminali - di Rossella Guadagnini

''I pericoli di una mafia che non spara'' - di Dacia Maraini (Intervista)

Il Patto Sporco: 'La Voce di New York' intervista Saverio Lodato - di Joseph M. Benoit

''Il Patto Sporco'' presentato a Quante Storie
Il magistrato Nino Di Matteo ospite di Corrado Augias

''Il Patto Sporco'' nelle parole di Corrado Stajano

Un patto sporco tra mafia e Stato - di Lorenzo Baldo
Il libro di Saverio Lodato e Nino Di Matteo per conoscere la storia (censurata) d’Italia

Di Matteo: ''Berlusconi continuò a pagare Cosa nostra anche da Premier''
Il pm, intervistato da Borrometi per Tg2000, presenta il libro "Il patto sporco" - VIDEO

Le verità che molti volevano nascondere - di Paolo Borrometi


La trattativa Stato-mafia e un Paese senza memoria (e forse senza futuro). Parla Nino Di Matteo
di Paolo Borrometi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa