Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Caso Cucchi, carabiniere confessa il pestaggio: ''È stato picchiato da due colleghi''

Caso Cucchi, carabiniere confessa il pestaggio: ''È stato picchiato da due colleghi''

cucchi ilaria foto stefano c ansadi Karim El Sadi
Il commento della sorella: “Il muro è stato abbattuto, lo Stato deve chiederci scusa”

Incredibile svolta nel nuovo processo per la morte del trentenne Stefano Cucchi. Uno degli imputati, il carabiniere Francesco Tedesco, ha confessato che il pestaggio ci fu. Non solo, ha chiamato in causa a processo anche i suoi colleghi dell'Arma dell'epoca, Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro per omicidio preterintenzionale. A renderlo noto il pm Giovanni Musarò, il quale intervenuto in aula questa mattina, ha rivelato come lo scorso 20 giugno il carabiniere Tedesco abbia presentato in procura una denuncia contro ignoti sul giallo avvenuto la fatidica notte del 22 ottobre 2009. Nel corso dei mesi successivi alla consegna della denuncia, il carabiniere è stato sentito dai magistrati tre volte. Il pm Musarò ha aggiunto che in questi interrogatori Tedesco ha sostenuto di “aver redatto una notazione di servizio quando è venuto a conoscenza del decesso di Cucchi”, ma che tale notazione “è stata sottratta e il comandante di stazione dell’epoca non ha saputo spiegare la mancanza”. A tal proposito, Musarò ha detto che è stato iscritto un procedimento contro ignoti nell’ambito del quale lo stesso Tedesco ha reso tre dichiarazioni. “In sintesi - spiega il magistrato - ha ricostruito i fatti di quella notte e chiamato in causa gli altri imputati: Mandolini, da lui informato; D’Alessandro e Di Bernardo, quali autori del pestaggio; Nicolardi quando si è recato in Corte d’Assise, già sapeva tutto”, ha concluso il pm. Imputati nel processo bis, iniziato nel 2015 grazie alla tenacia dei famigliari della vittima e alle dichiarazioni del carabiniere Riccardo Casamassima che ha fatto riaprire il caso, sono 5 militari.

cucchi familiari c ansa

Rita Calore, mamma di Stefano Cucchi abbracciata al papà, Giovanni Cucchi, e la sorella Ilaria


Accusati di omicidio preterintenzionale sono Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco. Quest'ultimo risponde anche di falso nella compilazione del verbale di arresto di Cucchi e calunnia insieme al maresciallo Roberto Mandolini, all'epoca dei fatti a capo della stazione Appia, dove venne eseguito l'arresto. Imputato è anche Vincenzo Nicolardi che deve difendersi dall'accusa di calunnia con gli altri due, nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria che vennero accusati nel corso della prima inchiesta sul caso. Questa mattina l'avvocato di Tedesco, Eugenio Pini, intervenendo durante l'udienza ha dichiarato: “Oggi c'è stato uno snodo significativo per il processo, ma anche un riscatto per il mio assistito e per l'intera Arma dei Carabinieri”. "Gli atti dibattimentali e le ulteriori indagini - ha aggiunto Pini - individuano nel mio assistito il carabiniere che si è lanciato contro i colleghi per allontanarli da Stefano Cucchi, che lo ha soccorso e che lo ha poi difeso. Ma soprattutto è il carabiniere che ha denunciato la condotta al suo superiore ed anche alla Procura della Repubblica, scrivendo una annotazione di servizio che però non è mai giunta in Procura, e poi costretto al silenzio contro la sua volontà. Come detto, è anche un riscatto per l'Arma dei Carabinieri perché è stato un suo appartenente a intervenire in soccorso di Stefano Cucchi, a denunciare il fatto nell'immediatezza e ad aver fatto definitivamente luce nel processo".

cucchi striscione giustizia c ansa

Indubbiamente con le dichiarazioni rese note questa mattina, crollano 9 anni di silenzi sulla morte del giovane geometra. Presente in aula anche Ilaria Cucchi, sorella di Stefano da sempre in prima linea nella ricerca della verità sulla morte del fratello, che su facebook ha scritto: “Processo Cucchi. Udienza odierna ore 11.21. Il muro è stato abbattuto. Ora sappiamo e saranno in tanti a dover chiedere scusa a Stefano e alla famiglia Cucchi. Ci chieda scusa chi ci ha offesi in tutti questi anni. Ci chieda scusa chi in tutti questi anni ha affermato che Stefano è morto di suo, che era caduto. Ci chieda scusa chi ci ha denunciato. Sto leggendo con le lacrime agli occhi quello che hanno fatto a mio fratello. Non so dire altro. Chi ha fatto carriera politica offendendoci si deve vergognare. Lo Stato deve chiederci scusa - ha concluso -. Deve chiedere scusa alla famiglia Cucchi".

Foto © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Stefano Cucchi, il ragazzo che non seppe restare vivo - di Saverio Lodato

Caso Cucchi, 4 carabinieri indagati nel nuovo filone: c'è anche il comandante della caserma di Tor Sapienza

Oggi Ilaria Cucchi ha vinto. E la cosa riguarda anche noi

Riccardo Casamassima, il carabiniere che ha fatto riaprire l'inchiesta su Cucchi: ''Mi e' venuta la pelle d'oca a sentire la notizia''

Sulla mia pelle: l'atto di accusa di un film da vedere

Caso Cucchi, Ilaria denunciata da uno degli imputati al processo bis

Caso Cucchi, Ilaria: ''Invece di una denuncia dovrebbero chiederci perdono''


Video - Cucchi: cc, minacciato governo mi ascolti

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa