Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Costa, Cassarà, Antiochia: il 6 agosto è il giorno del ricordo

Costa, Cassarà, Antiochia: il 6 agosto è il giorno del ricordo

cassara antiochia costadi Aaron Pettinari
Il due agosto l'Italia si è fermata per ricordare le vittime della strage di Bologna; mentre ieri abbiamo ricordato Nino Agostino e Ida Castelluccio. Oggi, ancora una volta, si torna a fare memoria onorando tre servitori dello Stato che hanno sacrificato se stessi nella lotta alla mafia: Gaetano Costa, Ninni Cassarà, Roberto Antiochia. Seppur con ruoli diversi si può certamente dire che tutti hanno fatto la storia del contrasto alla criminalità organizzata (e non solo).
E' questo il caso di Costa. Il Procuratore capo di Palermo fu ucciso la sera del 6 agosto 1980, mentre camminava lungo via Cavour, una strada centralissima a pochi metri da casa. Camminava solo, senza quella scorta che avrebbe ricevuto solo il giorno dopo. Giunto davanti ad un'edicola, mentre sfogliava qualche pagina, fu raggiunto dai colpi di pistola.
Colpito alle spalle, in quello che era un vero agguato mafioso. Fu ucciso, forse, perché aveva capito prima di altri che "la mafia è nella cosa pubblica".
E così aveva avviato importantissime indagini come quelle sulle famiglie degli Spatola, dei Gambino e degli Inzerillo, sul filone investigativo che legava la mafia sicula a quella americana, sul nuovo business della droga condiviso dalle due organizzazioni.
Un’indagine che lo “sceriffo” Boris Giuliano, capo della Squadra Mobile di Palermo, pagò con la vita il 21 luglio 1979, e che proseguì nelle mani di Emanuele Basile, capitano dei carabinieri della compagnia di Monreale, poi ucciso la sera del 4 maggio dell'anno dopo. Un unico filo legava i due omicidi, un filo che iniziò a stringersi anche attorno al procuratore Costa. A poche ore dalla morte di Basile i carabinieri erano riusciti ad arrestare 33 persone, presentando in procura il rapporto di denuncia. E proprio quel rapporto, molto probabilmente, segnò per il procuratore di Palermo un momento decisivo.
A dispetto delle previsioni degli avvocati, certi di vedere i loro assistiti tornare in libertà nel giro di poche ore, Costa firmò gli ordini di cattura. Ma ciò avvenne in completa solitudine assumendosene tutte le responsabilità senza la firma dei sostituti in quei documenti. E la stessa moglie di Costa, Rita Bartoli, in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera (14 settembre 1983) affermò: "Mio marito fu lasciato solo a firmare i mandati di cattura contro la cosca Spatola-Inzerillo. Qualcuno lo additò addirittura come unico responsabile di quei mandati. Lo andarono a raccontare in giro agli avvocati dei mafiosi, ai giornalisti". E a quasi 40 anni di distanza quelle firme mancate ancora hanno un peso, così come l'assenza di verità su chi fossero esecutori e mandanti di quell'omicidio.
Cinque anni dopo la mafia tornò a colpire. Così, il 6 agosto 1985, in via Croce Rossa, un gruppo di uomini di Cosa Nostra uccisero sotto casa il vicequestore Ninni Cassarà e l’agente di scorta Roberto Antiochia. Rimasero feriti nell’agguato Giovanni Salvatore Lercara e Natale Mondo. La moglie di Cassarà affacciatasi dal balcone della propria abitazione vide morire il marito e chiese aiuto ai vicini. La risposta fu il silenzio. E anche in questo caso ci sono domande inquietanti: chi informò il comando di Cosa Nostra che Ninni Cassarà stava tornando a casa? Chi fu la talpa? Dopo la morte di Beppe Montana Cassarà aveva intuito che era sotto il mirino di Cosa Nostra ed allora si era “barricato” negli uffici della squadra mobile ed era quasi una settimana che non tornava a casa. Il 6 agosto decise di tornare a casa. Un commando di Cosa Nostra era pronto. Lo stava aspettando. Ma chi li avvisò? Quesiti che attendono ancora risposta.

ARTICOLI CORRELATI

Costa: un giudice solo nel “palazzo dei veleni”

Cassarà e Antiochia: Un Uomo e un Ragazzo nella follia palermitana

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa