Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Caso Manca, Rosy Bindi: ''L'ingerenza della mafia? Non si può escludere, né affermare''

Caso Manca, Rosy Bindi: ''L'ingerenza della mafia? Non si può escludere, né affermare''

di Lorenzo Baldo
Il commento della Presidente della Commissione Antimafia alla Giornata della memoria

Foggia. Un freddo pungente. Che ti entra nelle ossa. Tra gli oltre 900 nomi delle vittime innocenti delle mafie che vengono letti in questa giornata della memoria c’è anche quello di Attilio Manca. Dal palco scende la presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi. Giusto il tempo per commentare la relazione finale di maggioranza i cui stralci sono trapelati su alcuni siti di informazione. Dalle prime indiscrezioni emerge che è stata esclusa la pista mafiosa dietro la morte del giovane urologo di Barcellona Pozzo Di Gotto. “Non è esattamente così - specifica la Bindi -, noi abbiamo concluso affermando che non ci sono elementi per accertare la presenza della mafia, quindi non si può affermare, ma nemmeno escludere”. Di fronte all’osservazione delle troppe incongruenze che ruotano attorno a questa morte misteriosa la Bindi sottolinea che queste “sono state denunciate tutte, sono rimaste in evidenza, nella relazione c’è proprio la sottolineatura e appunto la denuncia da parte della Commissione di ciò che non ha funzionato soprattutto all’inizio”. bindi baldo foggia 20180321 c acfbE i 5 pentiti che circoscrivono la morte di Attilio Manca all’interno di un disegno criminale costituito da mafia e massoneria? “Non siamo stati in grado di escludere questa pista, me nemmeno di affermarla; da parte nostra abbiamo mandato tutti gli atti alla magistratura per valutare se ci siano elementi per riaprire il caso”. E tutte le altre evidenti anomalie: dall’assenza delle impronte sulle siringhe al ritrovamento del cadavere? “E’ tutto scritto nella relazione”, taglia corto la Bindi. Pochi minuti e dagli altoparlanti si sente forte il nome di Attilio Manca mentre 40.000 persone applaudono con convinzione.

Foto di copertina © Ansa
Foto interna © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Manca? No grazie, per l'Antimafia è solo una morte per droga

Caso Manca: la replica (virtuale) di un tossicologo alla Commissione antimafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia