Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Liberi e Uguali, Grasso mette in testa la lotta alla mafia e corruzione

Liberi e Uguali, Grasso mette in testa la lotta alla mafia e corruzione

di Francesca Mondin
"Antimafia, legalità, lotta alla corruzione, sicurezza dei cittadini devono essere al primo posto della politica con la P maiuscola". A dirlo è Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, che con questa affermazione sembra mettere in testa alle priorità del suo progetto politico la lotta alla mafia e corruzione. Fenomeni che ormai è appurato essere dilagati in tutta la nazione a più livelli: economico, imprenditoriale, sociale e anche politico. “C’è una questione morale importante - ha infatti detto riguardo la politica - oggi abbiamo bisogno di dirigenti politici al di sopra degli interessi di parte e di fazioni e di uomini che incarnino il rispetto delle leggi e della legalità. Solo così si riconquista la fiducia dei cittadini”.
Fiducia soprattutto di quegli elettori di sinistra che secondo Grasso sono rimasti “delusi dal Pd”, "noi abbiamo un progetto di sinistra - ha aggiunto - e confidiamo in loro e nei tanti caduti nell'indifferenza e nella rassegnazione". Ed è dal territorio che Liberi e Uguali avrebbe deciso di partire: “Abbiamo aperto alla rappresentanza di elementi della società civile e dell'associazionismo - ha detto l'ex magistrato - il 70% dei nostri capilista proviene dal territorio”.
Grasso resta fermo sulla posizione che lo ha portato ad uscire dal Pd nei mesi scorsi: “Il Pd non appare più di sinistra - ha detto il leader di Liberi e Uguali a Palermo - Lo ha dimostrato con atti di governo e parlamentari. Si è tentato di creare un dialogo, Pisapia ci ha messo un anno e poi addirittura ha abbandonato la politica". Con Renzi “il problema sono le sue politiche che non sono state più di sinistra”.
E alla domanda del direttore del TgCom24 Paolo Liquori se quindi Renzi ha portato il Pd a destra Grasso ha risposto: “Forse lo ha fatto in previsione di qualche ulteriore governo con Fi, anche perché questa legge elettorale pare sia stata condivisa da Pd e Fi e non sappiamo se per una prospettiva futura che in tanti possono immaginare…”.
L'unica apertura è per un possibile governo di scopo per la sola riforma elettorale. “Intendiamo collaborare soltanto con chi ha intenzione di portare avanti i valori in cui crediamo - ha sottolineato Grasso - certamente non con la destra. Né con la destra di Salvini, né con la destra dell’attuale centrodestra”.
Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle invece secondo il presidente del Senato ha evidenziato “è in una fase di mutazione genetica, tende a rassicurare chiunque”, con la sua proposta politica quindi Grasso cercherà di conquistare anche “una parte dei voti del M5s, di quella fetta di elettori di sinistra che ha trovato rifugio in questo movimento”.
Alla luce del clima di tensione che si respira negli ultimi temi riguardo la sicurezza dei cittadini Grasso ha detto: "Dobbiamo portare avanti soluzioni per la sicurezza dei cittadini, c'è la prevenzione e c'è la presenza delle forze dell'ordine nel territorio. Poi bisogna far sì che vengano applicate le leggi che ci sono". In riferimento invece alla questione immigrazione, che da diversi ambienti è stata strumentalizzata legandola proprio alla sicurezza dei cittadini, il leader di Liberi e Uguali ha evidenziato come "sul fenomeno dei migranti non si deve soffiare o buttare benzina per alimentare le insicurezza dei cittadini. Il fenomeno è epocale, non emergenziale ma strutturale e quindi bisogna affrontarlo tutti insieme, non è possibile che su 8 mila sindaci solo mille sono stati disponibili ad accogliere i migranti".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa