Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Tribunale di sorveglianza: ''Dell'Utri resta in carcere''

Tribunale di sorveglianza: ''Dell'Utri resta in carcere''

di AMDuemila
"Potrebbe scappare e le patologie di cui è affetto non sono in stato avanzato"

L’ex senatore Marcello Dell’Utri potrebbe scappare e le patologie di cui è affetto non sono in stato avanzato. Con queste motivazioni il Tribunale di sorveglianza di Roma ha espresso parere negativo alla richiesta di scarcerazione avanzata dai legali del fondatore di Forza Italia.
L'ex parlamentare è attualmente detenuto nel carcere romano di Rebbibia dove sta scontando una pena a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. La decisione è arrivata dopo pochi giorni in cui il Tribunale si era riservato di decidere e prima ancora la Procura Generale aveva dato parere negativo alla richiesta.
Secondo quanto avevano accertato i medici di Rebbibia, che hanno inoltrato ai giudici di Sorveglianza le relazioni sullo stato di salute dell’ex senatore, Dell’Utri è affetto da una cardiopatia e una forma di diabete grave e nel luglio scorso gli è stato diagnosticato un tumore maligno alla prostata. Per questo motivo i legali Alessandro De Federicis e Simona Filippi avevano presentato richiesta di scarcerazione in quanto, a loro dire e con il sostegno del garante dei detenuti, "il carcere e le strutture protette sono inadeguate per le cure di cui ha bisogno Dell'Utri”. Così come era avvenuto lo scorso dicembre, il Tribunale di Sorveglianza ha detto “no” alla scarcerazione. Allora i giudici motivarono scrivendo che "sulla scorta del quadro clinico complessivo i periti hanno concluso per la compatibilità con il carcere non emergendo criticità o urgenze tali da rendere necessario il ricorso a cure o trattamenti non attuabili in regime di detenzione ordinari”. E quindi: “sono sotto controllo farmacologico e non costituiscono aggravamento del suo stato di salute”. Stavolta hanno anche espresso ulteriori considerazioni.
Per i magistrati l'ex esponente di Forza Italia è in grado di deambulare e potrebbe fuggire anche perché non può essere sottoposto alle terapie necessarie con il braccialetto elettronico. Inoltre può essere curato presso i reparti di Servizi assistenza intensificata (Sai) che sono previsti nelle strutture carcerarie. Nelle motivazioni viene citata anche la richiesta di condanna a 12 anni di reclusione avanzata dalla Procura di Palermo nel processo sulla cosiddetta trattativa "Stato-Mafia" in cui Dell'Utri è imputato per minaccia e violenza a corpo politico dello Stato.
Il prossimo “capitolo” del “caso Dell’Utri” si riaprirà il prossimo 8 marzo quando i giudici della corte d’Appello di Caltanissetta si esprimeranno sulla richiesta di sospensione dell’esecuzione della pena presentata dalla Procura generale. Ma questa è un’altra storia.

Foto © DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa