Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Spegnere l'interruttore prima che sia troppo tardi

Spegnere l'interruttore prima che sia troppo tardi

sgarbi vittorio c ansadi Lorenzo Baldo
Eccolo l’ultimo conato di vomito di un essere che trae ossigeno vitale dalle polemiche che solleva: “Di Matteo ha tratto beneficio dalle minacce di morte ricevute dal carcere da Totò Riina. Ha cavalcato l'onda per fare il martire”. Di fronte a simili bestialità - che si commentano da sole - basterebbe ricacciare nel bidone della spazzatura il proprietario del copyright. “Non intendo replicare a questo signore - ha dichiarato a caldo il pm Nino Di Matteo - che, per affermazioni dal contenuto molto simile, è già stato rinviato a giudizio per diffamazione aggravata nei miei confronti. Il processo inizierà a gennaio davanti al Tribunale di Monza”. Potremmo fermarci qui. E invece ci si ritrova una volta di più ad osservare il circo mediatico che continua a dare fiato a parole e insulti del neo assessore ai beni culturali della Regione Sicilia. Commentare i deliri di Vittorio Sgarbi significa abbassarsi al suo livello: un insulto all’intelligenza. A simili figuri va solamente il disprezzo e l’oblio che si meritano tutti quei personaggi che nel corso dei secoli si sono avvicendati attaccando e delegittimando uomini giusti in puro spregio della verità e della giustizia. Ma dietro a quelle maschere di pseudo sagacia abbiamo intravisto la miseria umana di chi per continuare a respirare deve spargere il proprio veleno. La cui potenza letale viene aumentata ogni qualvolta si replica all’infinito quel verbo. In un’epoca folle come questa, dove chiunque si erge a strillone per riversare il proprio odio contro tutti, simili “celebrità” meritano di ritrovarsi in un deserto di silenzio, dimenticati da tutti, soli con le loro pericolose parole. Che in una terra come la Sicilia diventano pietre. Di fronte a chi cede a ricatti incrociati e candida determinati personaggi, o a chi si diverte a dare loro spazio sui media, non resta che spegnere l’interruttore. Prima che il nulla che essi rappresentano ferisca definitivamente quel che resta di una società civile.

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto




Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato

LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta