Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Ricordando Calogero Zucchetto, cacciatore di latitanti

Ricordando Calogero Zucchetto, cacciatore di latitanti

zucchetto calogero redL'intervento del questore Cortese
di Aaron Pettinari

“Zucchetto con il suo carattere aperto e gioviale era stato in grado di stabilire rapporti confidenziali con gestori di locali pubblici, proprietari di negozi, prostitute, e con gli stessi pregiudicati, e ciò, nella risoluzione di varie indagini, si era rivelato di grande aiuto”. Così i giudici del maxi processo a Cosa nostra hanno scritto nell’ordinanza di rinvio a giudizio che ha istruito il maxi processo a Cosa nostra. Basterebbero queste parole per descrivere il valore di Calogero “Lillo” Zucchetto, un poliziotto d’altri tempi, “uno dei migliori quando si trattava di dare la caccia ai latitanti mafiosi”. Quando la sera del 14 novembre 1982 fu ucciso all’uscita del bar “Collica”, in via Notarbartolo, Cassarà e Montana compresero più degli altri il significato vero di quell’eliminazione, avvenuta appena settantadue giorni dopo l'eliminazione del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, della moglie e dell'agente di scorta.



Fu ucciso con cinque colpi di pistola alla testa, un omicidio sul quale una prima verità giudiziaria è arrivata solo nel 2001. Grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia è emerso che nell’agguato parteciparono tre killer: Giuseppe Lucchese, Mario Prestifilippo e Pino Greco "scarpuzzedda".
Quei tre volti Zucchetto li conosceva. Erano cresciuti nello stesso quartiere di Ciaculli.
Inoltre si erano incontrati con l’agente pochi giorni prima, in maniera del tutto casuale.
Il giovane poliziotto era in Vespa con Ninni Cassarà, il capo della Mobile che sarà ucciso tre anni dopo. Un incontro che aveva molto preoccupato quel servitore dello Stato. «Mi hanno riconosciuto», aveva detto ai colleghi.
Aveva dato un contributo prezioso a numerose indagini a cominciare dal famoso “rapporto dei 162” con cui si ricostruiva la mappa di Cosa nostra falcidiata dalla guerra di mafia. In quel rapporto, depositato in Procura il 13 luglio 1982, erano inseriti i nomi di Michele Greco, Totò Riina, Bernardo Provenzano, Raffaele Ganci, Giuseppe Calò, Antonino Geraci, Salvatore Montalto e Salvatore Buscemi, la maggior parte dei quali fino ad allora sconosciuti. Secondo alcuni investigatori Calogero Zucchetto pagò con la vita per il ruolo avuto nella cattura del latitante Salvatore Montalto. Trentacinque anni dopo il suo assassinio è giusto rendere omaggio al suo valore.

ARTICOLI CORRELATI

Palermo: Polizia commemora Calogero Zucchetto a 35 anni dal suo assassinio

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa