Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Via d'Amelio: Scarantino e quel depistaggio di Stato

Via d'Amelio: Scarantino e quel depistaggio di Stato

di matteo c paolo bassani 2017a cura di Miriam Cuccu - Video
Trascrizione integrale dell’audizione del pm Nino Di Matteo alla Commissione antimafia*
Per prima cosa volevo ringraziare il presidente e tutti membri della Commissione per aver accolto la mia richiesta di essere audito, motivata dal perseguimento di un duplice scopo: da una parte spero di poter fornire un contributo alla verità, dall'altra di stimolare quegli approfondimenti che ritengo necessari, anche in sede politica, sul probabile coinvolgimento nella strage di soggetti esterni a Cosa nostra. Sono convinto di poter fornire un contributo di chiarezza rispetto alle tante inesattezze, bugie e ingiuste generalizzazioni che da tempo, ed in ultimo in occasione dello scorso anniversario della strage, vengono diffuse e rilanciate con grande clamore mediatico. E ciò con riferimento generale ai processi per la strage di via d’Amelio, celebratisi a Caltanissetta tra il ’92-‘93 e il ‘99, ma ancor più in particolare alla mia attività in quel pool antimafia, nel tentativo di coinvolgermi in vicende di investigazioni ed indagini che non ho vissuto e delle quali nemmeno marginalmente sono stato protagonista.
In occasione dell'ultimo anniversario della strage si è parlato, scritto e commentato di 25 anni di depistaggi e silenzi, da parte di autorevoli strumenti della stampa. Di 25 anni persi nella ricerca della verità sulla strage. Ritengo, sulla base dei fatti che vi esporrò, che queste sono affermazioni profondamente ingiuste. E anche molto pericolose, paradossalmente utili a chi teme e ha da temere che il percorso di accertamento completo della verità possa andare avanti.
Nell’ultimo periodo, anche grazie a indagini da me ed altri colleghi condotte a Palermo, sono emersi a mio avviso importanti elementi di prova che indicano che la strage non fu solo di mafia. Però, proprio in questo momento, e temo che non sia un caso, il dibattito e l'attenzione invece di concentrarsi sulla necessità di ulteriori approfondimenti in tal senso, si orientano a screditare e delegittimare il mio lavoro e la mia professionalità. Si finge di dimenticare, e da più parti sistematicamente si ignora, che tra il cosiddetto via d'Amelio bis e, ancora più importante, il cosiddetto via d'Amelio ter, ben 26 imputati sono stati condannati definitivamente per concorso in strage, per i quali l'affermazione di responsabilità è stata confermata fino alla Cassazione e mai messa in discussione, neppure dopo le acquisizioni più recenti che partono dalla collaborazione di Gaspare Spatuzza. Il nostro è stato definito il Paese delle stragi impunite, ma questo non mi pare un risultato così irrilevante.
26 condanne definitive: non sono stati 25 anni persi nella ricerca della verità. Il processo di revisione ha riguardato, per quanto concerne le accuse di strage di imputati del cosiddetto via d'Amelio bis, 7 posizioni. Nessuno ricorda che già all'esito del processo di primo grado di quel troncone, via d'Amelio bis – sentenza di primo grado del 13 febbraio 1999 – 6 dei 7 soggetti successivamente revisionati erano già stati assolti dalla Corte d'Assise di primo grado. Tutti fingono di dimenticare che per 3 posizioni di quelle 6 erano stati gli stessi pubblici ministeri a chiedere l’assoluzione.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa