Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Roberti: mafia foggiana spietata e arcaica

Roberti: mafia foggiana spietata e arcaica

roberti franco web1di Miriam Cuccu
Il procuratore nazionale antimafia: “Serve maggiore collaborazione e cooperazione internazionale”
Troppo a lungo, secondo il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, la Sacra Corona Unita è stata considerata “una ‘mafia da serie B’”, in particolare “questa efferatissima forma di criminalità foggiana”. Le autorevoli dichiarazioni arrivano proprio a seguito dell’agguato nel quale è stato ucciso un boss mafioso insieme ad altre tre persone.
Per Roberti, infatti, si tratta di una criminalità organizzata particolarmente crudele e impenetrabile, arcaica e “con un Dna quasi primitivo” che, anche se ancora non evoluta come Cosa nostra, ‘Ndrangheta e Camorra, è capace di sferrare veri e propri attacchi che sfociano in bagni di sangue. E, allo stesso tempo, senza che si registri nessuna collaborazione con la giustizia da parte dei suoi affiliati, i cui legami, continua il magistrato, “sono molto stretti e improntati alle forme di violenza più cruenta” all’interno di quella che viene descritta “una società autonoma”. Dall’inizio del 2017, infatti, sono stati 20 i morti ammazzati. Il procuratore nazionale evidenzia inoltre che, da trent’anni a questa parte, le faide tra i clan non si sono ancora fermate, con 300 omicidi dei quali l’80% è rimasto impunito.
La natura primordiale della mafia foggiana si manifesta con attacchi come questi, ma anche con la tipologia degli affari criminali perseguiti - dice ancora Roberti -. Mentre infatti ‘Ndrangheta e Cosa nostra si arricchiscono con la corruzione e la collusione con i corrotti, stringendo patti con i cosiddetti colletti bianchi, nel foggiano tengono banco soprattutto il traffico di sostanze stupefacenti e l’estorsione. Quest’ultima è peraltro spesso legata alle attività turistiche sul Gargano”.
Nonostante ciò, sottolinea il procuratore nazionale antimafia, “c’è un’attenzione particolare dello Stato” e “lo dimostrano anche alcuni interventi per arginare il fenomeno mafioso” come la “creazione a Foggia di una sottosezione dei Ros”, il Reparto operativo speciale dei carabinieri. Nei confronti della Sacra Corona Unita, aggiunge, “si sono già svolti processi in corte d’Assise” e “l’attenzione resta alta” così come gli sforzi investigativi.
Naturalmente, spiega il magistrato, “bisogna fare di più, anche sul piano della cooperazione internazionale per frenare i fiumi di droghe leggere che arrivano dall'Albania, perchè sono quelli che stanno scatenando la faida. Siamo andati in Albania nei mesi scorsi a chiedere cooperazione, abbiamo incontrato a Roma il Ministro degli Interni albanese che ha promesso maggiore collaborazione. Bisogna vincere l'omertà e per farlo bisogna creare una cultura della legalità che in quel territorio è ancora molto latente. Il Procuratore capo di Bari, Giuseppe Volpe, fa benissimo a invocare maggiore collaborazione da parte dei cittadini", afferma quindi il Procuratore nazionale antimafia. Ma "per avere collaborazione bisogna dimostrare che si incide efficacemente con le indagini e per questo - prosegue Roberti - servono più presidi di polizia, più professionalità nelle forze di polizia. Bisogna mandare in quel territorio il meglio delle professionalità investigative, lo ha detto recentemente la Presidente della Commissione Antimafia e io lo condivido perchè se questa è una priorità, e non c'è dubbio che il contrasto alla criminalità foggiana sia una priorità assoluta, allora bisogna mettere in campo il meglio delle risorse".
Purtroppo, conclude Roberti, "nell'ultimo processo importantissimo che si è celebrato a Foggia, condotto dalla Procura Distrettuale di Bari per una catena enorme di estorsioni, non si è registrata la partecipazione della società civile. Il Comune di Foggia non si è nemmeno costituito parte civile del processo e questo è un segnale estremamente negativo che va stigmatizzato".

ARTICOLI CORRELATI

Strage a Foggia, si accendono i riflettori sulla mafia dei montanari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta