Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Caso Niceta, interrotto lo sciopero della fame

Caso Niceta, interrotto lo sciopero della fame

niceta angelo intervistadi Aaron Pettinari
C’è il parere favorevole di Roberti alla protezione come testimone

Un mese e mezzo. Tanto è durato lo sciopero della fame di Angelo Niceta, giovane imprenditore ed erede della storica dinastia che opera nel settore dell'abbigliamento. Da ieri, infatti, Niceta è tornato a mangiare dopo aver ottenuto il parere favorevole della Procura Nazionale Antimafia al riconoscimento dello status di testimone di giustizia. "Siamo pienamente soddisfatti dell'operato della magistratura - ha dichiarato il legale Rosalba Vitale - in particolare della Procura generale di Palermo, che ha formulato una nuova proposta per l'ammissione alle speciali misure di protezione per Angelo Niceta in qualità di testimone di giustizia, che ha ricevuto parere favorevole al programma di protezione dei testimoni di giustizia dalla Procura nazionale antimafia. A questo punto attendiamo la presa d'atto della Commissione centrale e l'esecuzione del programma per Angelo Niceta e i suoi congiunti, che auspichiamo avvenga in seduta straordinaria nelle prossime giornate".
Una presa di posizione, quella del Procuratore capo Roberti, che era divenuta fondamentale dopo l’incontro che c’era stato tra Niceta ed il vice ministro Bubbico.
Una battaglia, quella dell’imprenditore, iniziata per chiedere allo Stato risposte sulla sua protezione e sul riconoscimento dello status di testimone di giustizia, come chiesto dai magistrati Nino Di Matteo e Pierangelo Padova della Dda di Palermo dopo le dichiarazioni rilasciate contro alcuni componenti della propria famiglia su possibili collegamenti con soggetti mafiosi, in quanto sentito come persona informata sui fatti, mai indagato per mafia. Una vicenda paradossale con la Commissione Centrale che aveva cambiato, senza fornire alcuna spiegazione, il cambio di status a collaboratore di giustizia. Le scorse settimane la Procura e la Procura generale di Palermo erano intervenute chiedendo nuovamente il riconoscimento dello status di testimone di giustizia.  
Infine l’avvocato Vitale ha concluso: “Colgo l’occasione per ringraziare il Comitato dei cittadini ed in particolare, Alfia Milazzo e Manfredo Gennaro, e tutti coloro che ne hanno fatto parte, che con il loro forte senso di solidarietà ha ci hanno aiutati a far emergere la verità affinché giustizia venga fatta".

ARTICOLI CORRELATI

Il testimone Angelo Niceta: ''Ecco chi comanda veramente a Palermo e in Italia''

Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta