Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Caso Niceta, oggi l’incontro con il Sindaco Orlando

Caso Niceta, oggi l’incontro con il Sindaco Orlando

niceta angelo changedi Aaron Pettinari
“Qualcosa si muove ma non basta, avanti con il digiuno”

“Qualcosa si muove, ma non basta. Ieri l’incontro con il Prefetto oggi quello con il Sindaco Orlando che ha voluto manifestare la propria solidarietà, ma è stato più un incontro pro forma”. Angelo Niceta, imprenditore e rampollo della storica dinastia che opera nel settore dell’abbigliamento, non vuole mollare per vedere riconosciuti i propri diritti. Un anno e mezzo fa aveva iniziato a denunciare la rete di affari ed i collegamenti tra alcuni suoi familiari e la mafia. Da quel momento era entrato nel programma di protezione testimoni ma nel giro di poco tempo il suo status è cambiato da testimone a collaboratore di giustizia, pur non essendo mai indagato per mafia. “La cosa grave è che nonostante lo status di collaboratore di giustizia fino ad oggi mi trovo a Palermo e senza alcun tipo di protezione. Eppure il Ministero aveva dato mandato alla Prefettura di Palermo di intervenire”. Proprio ieri Niceta, assieme ad una delegazione di cittadini, si è recato in prefettura ed è stato accolto da un delegato del Prefetto che in qualche maniera ha fatto sapere che il caso è sotto esame. “Mi è stato detto che si sta valutando la situazione per fornire una tutela via di mezzo ma io non mi posso accontentare di questo - prosegue Niceta - Perché fino ad oggi non si è fatto niente? Perché tutto questo ritardo? So che il prefetto non può modificare il mio status ma sicuramente può intervenire per dare una tutela a me ed alla mia famiglia. Un obbligo che è stato anche scritto da parte del Ministero. Smettere lo sciopero della fame? Mi hanno consigliato di ricoverarmi all’ospedale perché il fegato inizia a dare dei problemi ma non posso fermarmi ora. Solo tramite questa azione si sta muovendo qualcosa e se interrompessi questa forma di protesta sono certo che il mio caso verrebbe dimenticato”. Intanto prosegue la raccolta firme sulla piattaforma di change.org dove si sono superate le 16mila sottoscrizioni.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta