Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Il pm: Bruno Caccia ucciso per il suo rigore

Il pm: Bruno Caccia ucciso per il suo rigore

caccia bruno web4di AMDuemila
Al via la requisitoria: “Altri magistrati compiacenti. Voleva impedire affari 'Ndrangheta
Il percorso del processo sull'uccisione del magistrato Bruno Caccia, assassinato sotto casa la sera del 26 giugno 1983, "è stato complesso, ma siamo caduti e ci siamo rialzati", perchè a disposizione della Corte "c'è una pluralità di elementi di prova che vanno valutati in modo congiunto". A dirlo è stato il pm Marcello Tatangelo, durante la requisitoria iniziata ieri davanti alla prima sezione della Corte d'Assise di Milano.
Caccia, ha proseguito il pubblico ministero, fu ucciso per il "suo estremo rigore" in quanto si stava interessando alle "attività finanziarie" del clan calabrese guidato da Domenico Belfiore. Il processo è a carico di Rocco Schirripa, finito in carcere nel dicembre del 2015 e considerato l'esecutore materiale dell'omicidio del magistrato, per il quale il mandante Belfiore è stato già condannato in via definitiva all'ergastolo.
L'allora procuratore di Torino, secondo Tatangelo, fu assassinato in quanto, nonostante la compiacenza di alcuni magistrati vicini alle cosche, avrebbe impedito all'organizzazione mafiosa di "fare affari". "In un dialogo con un altro esponente del clan - ha spiegato il pm - Belfiore disse che con Caccia come procuratore, pur avendo amici in magistratura, per noi non c'è niente da fare'".
Durante la requisitoria il pm ha ricostruito anche che Belfiore avrebbe confidato ad altri uomini del clan che "con un mandato di cattura dopo l'altro, Caccia non li faceva vivere". Il boss, secondo Tatangelo, avrebbe cominciato a pedinare il procuratore già nella primavera del 1982, anche se in quel momento il suo progetto di ucciderlo non era ancora "concreto". Per il pubblico ministero "la goccia che fece traboccare il vaso", e che spinse Belfiore a dare mandato di uccidere Caccia, fu la vicenda giudiziaria del cognato Placido Barresi, finito in carcere "per alcune perizie ritenute false".
Caccia, ha specificato il pm, fu ucciso da un commando “di almeno 4 o 5 uomini” poiché “è inverosimile se non impossibile che siano state due le persone che si sono occupate di questo omicidio maturato in un'Italia distratta dal terrorismo”.
Ieri mattina, poi, l'ex militante di Prima Linea Francesco D'Onofrio, ritenuto vicino alla 'Ndrangheta e da qualche mese indagato a piede libero come ulteriore esecutore materiale dell'omicidio Caccia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. D'Onofrio era stato chiamato a testimoniare dalla Corte, che aveva accolto la richiesta del legale Fabio Repici, avvocato dei familiari di Caccia costituiti parti civili. La requisitoria, con la richiesta di condanna, terminerà nella prossima udienza fissata per il 24 maggio. Nodo centrale saranno gli aspetti tecnici con cui la Squadra Mobile di Torino ha individuato il panettiere di Torrazza Piemonte, accusato anche di traffico di stupefacenti.

ARTICOLI CORRELATI

Delitto Caccia, in aula sarà sentito D'Onofrio

Processo Caccia: Si alle intercettazioni captate con il virus informatico

Omicidio Caccia: neo pentito fa il nome di un terzo killer

Omicidio Caccia, nuovo processo a Schirripa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...

STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...


GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...

LA STRATEGIA DELL'INGANNO

LA STRATEGIA DELL'INGANNO

by Stefania Limiti

“Siamo andati in un terreno che non ci...


L'INGANNO DELLA MAFIA

L'INGANNO DELLA MAFIA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Di mafia si parla molto, ed è un...

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...


STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta