Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Caso Agostino, Gip prende atto dell'avocazione della Procura generale

Caso Agostino, Gip prende atto dell'avocazione della Procura generale

agostino castelluccio 500La famiglia: “Ci sarà una nuova attesa ma vogliamo essere fiduciosi”
di Aaron Pettinari
E’ un’udienza lampo quella che si è tenuta questa mattina davanti al gip di Palermo Gabriella Natale. Giusto il tempo di prendere atto dell’avocazione, da parte della Procura generale, dell'inchiesta sull'omicidio dell'agente di polizia Antonino Agostino e della moglie Ida Castelluccio (all'epoca incinta), uccisi il 5 agosto 1989 a Villagrazia di Carini. Il sostituto Procuratore generale, Domenico Gozzo, ha formalizzato l'avocazione dell'indagine sull'omicidio spiegando come in questo caso sia stata applicata l’avocazione disciplinata dall’art.412 secondo comma, pertanto la Procura generale avrà un tempo di massimo sei mesi per compiere ulteriori indagini prima che si decida su un eventuale rinvio a giudizio o archiviazione del caso.
L’indagine riguarda i boss Nino Madonia e Gaetano Scotto e l'ex poliziotto, con un passato nei servizi segreti, Giovanni Aiello. Quest’ultimo è ritenuto essere, da molti collaboratori di giustizia, come “faccia da mostro”, l’uomo con la faccia deturpata che avrebbe compiuto anche omicidi per conto di Cosa nostra.
Nei mesi scorsi la Procura (rappresentata dai pm Vittorio Teresi, Nino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene) aveva chiesto l’archiviazione nei confronti di questi soggetti. A questa si era opposto il legale della famiglia Agostino, Fabio Repici che aveva anche chiesto l’avocazione dell’indagine alla Procura generale.
Ovviamente, accanto al legale, in aula erano presenti i familiari degli Agostino, a cominciare da Vincenzo e Augusta, che da oltre ventisette anni attendono giustizia. "Speriamo che sia un nuovo inizio. Dobbiamo aspettare ancora un po’ di tempo ma vogliamo essere fiduciosi” hanno dichiarato al termine dell’udienza. Un nuovo grido di speranza di verità e giustizia che accomuna anche quei cittadini che hanno voluto dare il proprio sostegno attendendo all’esterno dell’aula.
Sull’omicidio è aperta anche un’altra inchiesta, su cui indaga la Procura, sul contesto e sul possibile movente.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta